Diritto e Fisco | Editoriale

Ecco il tariffario dell’Isis per gli schiavi umani

9 Novembre 2014
Ecco il tariffario dell’Isis per gli schiavi umani

I tariffari ufficiali per la compravendita dei prigionieri schiavi atta a finanziare il Califfato.

Il presidente del Comitato diritti umani della Camera, Mario Marazziti, è appena rientrato da Ebil, nel Kurdistan iracheno e, in tali luoghi, è entrato in possesso del tariffario ufficiale che i militanti dell’Isis applicano per gli ostaggi, venduti come schiavi. Marazziti ha reso nota la sua scoperta in una conferenza stampa di questa mattina.

Un bambino o una bambina tra 1 e 9 anni, sia yazido che cristiano, costa circa 140 euro. “Si tratta della merce di maggiore valore”, ha sottolineato il Presidente.

Le donne cristiane o yazide tra i 20 e i 30 anni giungono a circa 100 euro, mentre quelle tra i 30 e 40 anni scendono di qualche decina d’euro.

Una donna oltre 40 anni vale meno di 50 euro: si tratta della “merce” di minor valore.

Chi non rispetta le tariffe viene punito con la morte.

Inutile a dirlo, i soldi servono ai militanti per comprare armi e continuare la loro progressiva marcia di espansione e occupazione del suolo.

Con l’egemonia del terrore il Califfato dell’Isis sta facendo strage di donne e bambini, soprattutto yazidi e cristiani caldei, eliminando, sottomettendo o attraendo ampi settori sunniti scontenti. In Iraq la gente – ormai disarmata dopo la caduta di Saddam – scappa. Le città sono vuote. Ed è proprio questo che vuole l’Isis: una terra vuota per autoproclamarsi Stato.

È la prima volta che il terrorismo mondiale cerca di farsi Stato e di attrarre combattenti anti-sistema da tutto il mondo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube