Diritto e Fisco | Articoli

Mediazione per l’opposizione a decreto ingiuntivo della banca: quando?

9 Novembre 2014
Mediazione per l’opposizione a decreto ingiuntivo della banca: quando?

Dopo l’ingiunzione conta la pretesa dell’opposto per stabilire se la mediazione civile è obbligatoria: l’attore in senso sostanziale resta sempre il convenuto.

“Mediazione” o “non mediazione”: questo è il problema. Un problema che potrebbe sorgere nei casi di opposizione a decreto ingiuntivo, posto che il previo procedimento monitorio (la richiesta di decreto e l’emissione dello stesso) non è mai soggetto all’onere della mediazione. Ma che succede in caso di opposizione? Il chiarimento viene da un’ordinanza emessa dal tribunale di Verona [1].

Quel che giustamente afferma il giudice veneto è una applicazione del codice di procedura civile: poiché nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo il creditore opposto resta attore sostanziale, è alla domanda di quest’ultimo – e al relativo oggetto – che si deve far riferimento per comprendere se tale materia rientri o meno tra quelle per le quali la mediazione è prevista come condizione di procedibilità. Con la conseguenza che il debitore-opponente – cui comunque compete l’iniziativa della domanda all’organismo di mediazione – sarà soggetto a tale adempimento quale condizione per poter opporsi.

Dice il tribunale di Verona: “Per stabilire se per una controversia l’esperimento del tentativo di conciliazione sia condizione di procedibilità, il criterio che occorre tenere presente è quello secondo cui l’individuazione delle materie del contendere ai fini dell’applicazione del tentativo di mediazione [2] deve essere compiuto con riferimento alla domanda, e cioè alla sostanza della pretesa e ai fatti dedotti a fondamento di questa, nonché sulla base delle prospettazioni del convenuto: ne consegue che, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, per attore deve intendersi l’attore in senso sostanziale, vale a dire l’opposto”.

In definitiva, per stabilire se il tentativo di conciliazione è obbligatorio bisogna guardare alla domanda posta a fondamento della controversia, vale a dire alla sostanza della pretesa azionata e ai fatti posti al relativo fondamento.


note

[1] Trib. Verona, ord. del 28.10.2014.

[2] Art. 5 comma 1bis d.lgs. n. 28/2010.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. A me sembra che nel riassumere la decisione andasse chiarito meglio da dove deriva la conseguenza che…sarà il debitore oppone a dovere proporre la mediazione come condizione per opporsi.
    Da dove deriva questa conseguenza?
    Dal testo della massima non si ricava.
    Se possibile mi piacerebbe leggere la sentenza.
    Un grazie e buon anno

Rispondi a Adriano Pesci Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube