HOME Articoli

Le Guide Esenzioni dal bollo auto: chi non deve pagarlo

Le Guide Pubblicato il 11 novembre 2014

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 11 novembre 2014

Tassa automobilistica: ecco i veicoli che usufruiscono delle esenzioni totali.

 

Quando è prevista l’esenzione totale dal bollo auto? Una domanda che spesso si fanno i cittadini ed a cui cerchiamo di dare una rapida risposta con lo schema qui sotto.

L’esenzione totale dal bollo 
auto è prevista per tutti i veicoli adibiti al trasporto di disabili, per le vetture elettriche (limitatamente ai primi 5 anni dall’acquisto) e per le macchine a emissioni zero.

I veicoli a metano non pagano il bollo in Lombardia e Piemonte, mentre in altre Regioni è prevista una riduzione del 75%.

Alcune Regioni prevedono sconti anche per le automobili alimentate a Gpl (in Piemonte sono totalmente esenti dal pagamento del bollo) e per quelle ibride. A tal fine è meglio informarsi presso gli uffici competenti della propria Regione.

Disabili, sordomuti, portatori di handicap psichici oppure mentali, persone con gravi limitazioni della capacità di deambulazione e con ridotte capacità motorie sono esentati dal pagamento del bollo, purché abbiano effettuato l’apposita richiesta nella Regione di residenza. L’esenzione, però, vale per i veicoli con cilindrata non superiore ai 2.0 cc (benzina) o 2.8 cc (gasolio). La vettura per cui viene chiesta l’esenzione dal pagamento del bollo può essere intestata al disabile oppure al familiare che lo abbia fiscalmente a carico.

Una regolamentazione particolare riguarda le cosiddette auto storiche. Possono chiedere l’iscrizione all’Asi (Automotoclub storico italiano) tutti i veicoli
a motore dopo 20 anni dalla
data di costruzione o di prima immatricolazione. Per queste c’è il mini bollo, che varia tra i 25,82 e i 30 euro in base alla Regione.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. ERRORE LA REGIONE LAZIO HA STSATUTITO CHE LE AUTO A GPL METANO NON PAGANO IL BOLLO AUTO PER TRE ANNI SOLO PRIMA IMMATRICOLAZIONE….E POIPER QUANTO ATTIENE L’ESENZIONE TOTALE IL GARANTE DELLA PRIVACY HA DETTO CHE NELLA CERTIFICAZIONE NON SI DEVE PIU’ METTERE LA PATOLOGIA DEL SOGGETTO MA LA STESSA REGIONE LAZIO FA’ ORECCHIE DA MERCANTE…..

  2. Invece di ridurre il bollo alle auto d epoca , si dovrebbe ridurre hai nuovi veicoli in quanto meno inquinanti ! Quindi io la penso in questo modo , siccome già i possessori di mezzi d’epoca risparmiano il 70 % sull assicurazione io farei almeno quadruplicare il bollo auto

  3. Tutti dovrebbero essere esentati dal pagare il bollo auto, in quanto é una tassa illegale.
    L’italia paga una salatissima sanzione ogni anno alla comunitá europea per questo abuso, ma in sordina continua a risquoterla, perché i guadagni sono di gran lunga superiori alla multa esborsata.
    PERCHÉ SE LA LEGGE É UGUALE PER TUTTI COME PROFESSATE, QUESTE COSE NON LE DITE??????

  4. Valido il ragionamento di Ugo Zaccaro, sarei anche d’accordo a pagare il bollo (ridimensionato) se servisse a tenere le strade efficienti,
    non per fare “regali” ai familiari e agli amici, non sono d’accordo con il limitato Piero Di Maria, proporrei invece un aumento del bollo per chi ha un’auto nuova perché l’acquisto prova la disponibilità di danaro, chi ha una vecchia auto é perché ha poca disponibilità

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI