Diritto e Fisco | Editoriale

Il testo della Riforma della giustizia civile: tra mito e realtà

12 novembre 2014 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 novembre 2014



Scarica gratuitamente l’e-book del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132: “Arbitrato – Negoziazione assistita e nuove norme sul processo esecutivo”, Testo coordinato articolo per articolo a cura del Prof. Avv. Michele Gorga al termine della pagina.

 

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale [1], questa volta senza particolare enfasi mediatica, il testo del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, coordinato con la legge di conversione 10 novembre 2014, n. 162 che nell’intenzioni del nostro torrenziale legislatore dovrebbe alleviare le sorti dell’agonizzante giustizia civile.

In questa particolare fase storica dove l’opinione pubblica è sconcertata dalle guerre tra le procure e dalle eclatanti sentenze di condanna seguite da sentenze di assoluzioni che fanno apparire il diritto e la giustizia due spettri erranti, porsi il problema della degiurisdizionalizzazione per definire l’arretrato in materia civile appare un tentativo non solo velleitario ma addirittura surreale.

Pensare a soluzione pasticciate, come a quelle proposte con la riforma, in un Paese dove la crescente domanda di giustizia è quintuplicata negli ultimi anni e dove, alla pendenza di quasi cinque milioni di cause civili in primo grado si sommano quelle penali e dove la durata media dei processi è tra le più alte in Europa è un suicidio per la credibilità.

Così in un Paese dove si dubita, e a volte a ragione, della terzietà del giudice,pensare che due parti possano d’accordo richiedere la translatio iudicii, ad arbitri privati nominati con criteri niente affatto trasparenti dall’organo politico del Consiglio territoriale degli avvocati, per impiccarsi ad un procedimento brevissimo, senza garanzie di professionalità e senza alcuna certezza dei costi è un’operazione rozza e impraticabile.

Proporre poi la negoziazione assistita, istituto già abortito nel sistema francese, assegnandola d’ufficio agli avvocati, che si sono dimostrati impermeabile a qualsiasi formazione in tema di ADR, e già “Todos caballeros” come mediatori di diritto per appartenenza a prescindere dall’inclinazione serve solo a certificare che il legislatore delibera senza nulla conoscere nella materia.

Si sono create, poi, aspettative pericolose di passaggio dal divorzio biblico al divorzio fulmine, assegnato a soggetti, tra i meno attrezzati in materia di mediazione familiare; si sono ampliate le condizioni di procedibilità a tutte le materie, con fondati profili di incostituzionalità che sarebbe interessante farsi spiegare da coloro che sempre più fagocitati da quelle toghe – solitamente le più ciarliere e presenzialiste – con maggiore foga si sono contrapposte alla mediazione e che oggi propongono sulla sua falsariga la Negoziazione e l’Arbitrato.

La stessa riforma del processo esecutivo si palesa come poca cosa; sicché non si può più far finta di ignorare che, nonostante l’intervento riformatore, per oltre un cinquantennio, sia sulla struttura normativa dell’ordinamento giudiziario che sulla disciplina del rito civile i risultati , ad oggi, sono scoraggianti e bisogna prendere atto che l’approccio sino ad ora seguito nella riforma della giustizia civile è stato fallimentare.

Questa riforma, come le proposte della Commissione Presieduta dal Prof. Vaccarella, appare solo un timido correttivo rispetto al malato “Giustizia” e non è affatto una misura idonea volta a rendere efficacia la mission del processo civile che è quella di comporre rapidamente i rapporti giuridici tra consociati e tra le imprese, attività indispensabile per la crescita competitiva e la tenuta democratica del Paese.

Cliccando su questo link potrai scaricare gratuitamente l’e-book “Arbitrato – Negoziazione assistita e nuove norme sul processo esecutivo”, Testo coordinato articolo per articolo a cura del Prof. Avv. Michele Gorga.

note

[1] Gazz. Uff. S. G. n. 261 del 10-11-2014 – S. O.  n. 84.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI