Diritto e Fisco | Articoli

Praticante: reato di sostituzione di persona se si firma “avvocato”

12 Novembre 2014
Praticante: reato di sostituzione di persona se si firma “avvocato”

Basta la falsa attribuzione della qualità di esercente una professione ad integrare il reato di sostituzione di persona.

Magari una leggerezza per ben predisporre il cliente che ha chiesto una consulenza via internet. O solo un modo per anticipare di qualche mese l’esito dell’esame orale di abilitazione forense. Ma, di fatto, chi si firma o si fa chiamare “avvocato” prima del tempo rischia pene severe. Infatti, secondo una sentenza della Cassazione depositata ieri [1], per far scattare il reato di sostituzione di persona basta la falsa attribuzione della qualità di esercente una professione. E ciò perché la legge ricollega a quella “qualità” gli effetti giuridici tipici della corrispondente professione intellettuale.

Non è richiesto neanche che il reo abbia materialmente svolto abusivamente un atto della professione non propria (nel qual caso si configurerebbe il reato di “esercizio abusivo”). Non è neanche necessario che, da tale comportamento, il falso legale abbia tratto un particolare vantaggio. Al contrario, è sufficiente la semplice menzione di un titolo “non proprio” per far partire il processo penale. È quanto basta a trarre in inganno la fede pubblica.

La condotta, ovviamente, deve essere tale da far cadere in errore un altro soggetto dotato di media diligenza. Così, per esempio, non sarebbe se si attribuisse il titolo un ragazzo di appena 18 anni.


note

[1] Cass. sent. n. 46505 dell’11.11.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Talvolta la Cassazione si distingue per sentenze ridicole e mostra sempre di difendere i poteri forti delle caste ordinistiche….

Rispondi a GIancarlo Fichera Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube