HOME Articoli

Lo sai che? Pignoramenti: modifica della disciplina sulle notifiche

Lo sai che? Pubblicato il 12 novembre 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 12 novembre 2014

Riforma della giustizia: cancellato l’avverbio “personalmente”, la notifica può avvenire con le forme per le notifiche degli avvocati.

Tra trenta giorni entreranno in vigore le nuove norme sul processo esecutivo scritte dalla riforma della Giustizia del governo Renzi [1].

Tra le tante novità in materia di esecuzione forzata (primi tra tutti i nuovi strumenti telematici dell’ufficiale giudiziario), volte soprattutto a dare un maggiore impulso alla delicata fase di recupero dei crediti, si prevede che la notificazione del pignoramento non dovrà più essere fatta, dall’ufficiale giudiziario, sempre e solo personalmente al debitore.

Il codice di procedura civile prevede il potere che il creditore possa pignorare i crediti vantati dal proprio debitore nei confronti di un terzo (è il cosiddetto pignoramento presso terzi): ad esempio si può pignorare il saldo di un conto corrente (che è, appunto, un credito del correntista verso la banca). Quindi la banca (che è il terzo debitore, o anche detto “debitore del debitore”) deve pagare le somme al creditore procedente. Qui interviene la prima modifica che investe la notificazione dell’atto di pignoramento [2].

La norma precedente prevede che la notificazione sia fatta dall’ufficiale giudiziario personalmente al debitore e al terzo pignorato. La riforma, invece, ha cancellato l’avverbio “personalmente”. Ciò consentirà – secondo l’interpretazione fornita dal quotidiano Italia Oggi – che la notifica sia eseguita in base alla legge [3] sulle notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per avvocati e procuratori . E quindi l’ufficiale potrebbe utilizzare anche la posta elettronica certificata.

Diverso il giudizio di altri interpreti secondo cui la nuova norma si limiterebbe solo a consentire la notifica non solo “a mani”, ma anche a mezzo posta.

note

[1] Legge 162/2014 (conversione in legge del decreto 132/2014), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 10 novembre 2014, n. 261.

[2] Art. 543 cod. proc. civ.

[3] L. 53/1994.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Il pignoramento è atto di esecuzione e la notifica è solo la modalità con cui viene eseguito, era così e rimane così.

  2. Ma siamo sicuri che queste “notifiche” che sono esecuzioni (con la NOTIFICA si vincola/blocca il denaro del debitore in possesso del terzo) le possano fare anche sia pure non “personalmente” gli avvocati? Secondo me questa interpretazione è una sciocchezza sesquipedale… da una parte per autorizzare l’accesso preventivo alle banche dati ci si affida alla necessaria valutazione dei titoli esecutivi del Presidente del Tribunale (lavoro sempre fatto dagli UUGG), e i pignoramenti presso terzi li possono eseguire (mediante notifica) gli Avvocati senza nessun controllo preventivo? !!! ATTENTI A QUELLO CHE SCRIVETE… Alberto Monari Ufficiale Giudiziario (funzionario)

  3. Vi prego spiegate all’articolista che l’art. 492 cpc recita”…… il pignoramento consiste in un’ingiunzione che l’ufficiale giudiziario fa…” . L’ufficiale giudiziario fa!!!! Non altri!!!! X favore ditegli che questa e’ norma generale. Valevole per qualunque tipo di pignoramento. Che poi la riforma abbia eliminato il ” personalmente ” dal vecchio testo dell’art. 543 cpc significa che elimina solo e soltanto l’obbligatorieta’ della modalita’ della notifica “di persona”. Notifca che va eseguita sempre e solo da parte dell’ufficiale giudiziario. Non piu’ obbligatoriamente effettuata di persona ma anche con altre modalita’. Cioe’ anche a mezzo PEC.Ma solo e sempre a mezzo ufficiale giudiziario. Significativi il V comma del riformato art.492 bis ed il IV comma dell’art. 543 cpc.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI