Job act: controlli a distanza sui lavoratori e demansionamento

16 Novembre 2014
Job act: controlli a distanza sui lavoratori e demansionamento

Riforma del lavoro: articolo 18, verifiche con telecamere e maggiore tutela dell’interesse dell’azienda.

“Il 1° gennaio entreranno in vigore le nuove regole sul lavoro, l’articolo 18 dal 2015 sarà superato, ci saranno minori costi per gli imprenditori, più soldi in busta paga per i lavoratori, una riduzione delle forme contrattuali e regole più chiare”, sono le parole del Capo del Governo, Renzi che da Bucarest anticipa: “si semplifica tutto, è un grandissimo passo in avanti”.

La riforma del lavoro – il cosiddetto Job Act – trova di nuovo il PD ricompattato su alcuni punti essenziali della delega, tra cui l’articolo 18 per il quale, a fronte dell’apertura sulla modifica, saranno previste eccezioni che consentiranno il reintegro sul posto di lavoro in caso di licenziamenti disciplinari. Invece, per i licenziamenti dovuti a crisi aziendale (“licenziamenti economici”) sarà previsto un indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità.

Controlli a distanza

Cambierà un caposaldo dello Statuto dei lavoratori: il divieto di controlli a distanza (con telecamere ed altri mezzi) sui lavoratori sul posto di lavoro. Le nuove regole saranno decisamente più permissive delle attuali. Si aprirà all’uso delle telecamere o altre strumentazioni tecnologiche sui luoghi di lavoro. Ma i controlli dovranno essere sui macchinari.

 

Demansionamento

Oggi lo Statuto dei lavoratori stabilisce che il dipendente “deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito”. La delega cambia anche questo aspetto e prevede la possibilità di una nuova disciplina delle mansioni, che tuteli maggiormente l’interesse dell’impresa e l’utile impiego del personale in caso di processi di riorganizzazione, ristrutturazione, contemperando tale necessità con l’interesse del lavoratore alla tutela del posto e della professionalità.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube