Diritto e Fisco | Articoli

Separazione coniugale: a chi spettano le spese della casa familiare?

3 Febbraio 2012 | Autore:
Separazione coniugale: a chi spettano le spese della casa familiare?

Al coniuge assegnatario le spese di gestione della casa, al coniuge proprietario gli oneri fiscali.

Il coniuge che, in caso di separazione, ottiene dal giudice l’assegnazione della casa coniugale di proprietà dell’altro coniuge, è tenuto (pur non essendone il proprietario) a pagare le spese di gestione della casa (per esempio le utenze dell’acqua e della luce), comprese quelle condominiali ordinarie e il riscaldamento; invece gli oneri fiscali sono a carico del proprietario (v. imposta sugli immobili).

La Cassazione [1] ha infatti stabilito che il coniuge assegnatario dell’abitazione ha il diritto di usufruirne gratuitamente senza versare alcun corrispettivo all’ex, ma deve pagare le spese correlate a detto uso, a meno che il giudice non le abbia espressamente poste a carico del coniuge proprietario.

A carico del coniuge proprietario dell’immobile familiare rimane la tassa sulla casa (ICI – IMU), poiché tale imposta non grava su chi vanta un semplice diritto di godimento del bene [2].

Con riguardo, poi, al pagamento del canone R.A.I., sempre nel caso di separazione dei coniugi, ad esso è tenuto l’intestatario dell’abbonamento, eccetto se questi non abbia presentato domanda di risoluzione dall’abbonamento o si sia avvalso della facoltà di disdirlo nei termini e secondo le modalità di legge.

A nulla vale che egli, a seguito della separazione, si sia trasferito presso parenti e amici, lasciando la mobilia e l’apparecchio televisivo nella casa assegnata al coniuge [3].

 

 



note

[1] Cass., sez. I, sent. n. 18476 del 19 settembre 2005.

[2] Cass., sent. n. 25486 del 20 ottobre 2008.

[3] Comm. trib. prov.le Torino, sez. XII, sent. n. 34 del 15 marzo del 2010.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

15 Commenti

  1. sono disoccupata e percepisco dal mio ex 400 euro per me e 400 per mio figlio. A mio figlio , prossimo alla maggior età, spetta pagare anche una quota delle utenze o spetta solo ed esclusivamente a me? grazie

    1. Loredana, posto che suo figlio è minore, immagino che le utenze siano tutte intestate a Lei. Pertanto ogni obbligo incombe esclusivamente su di Lei

  2. Salve, mia madre si è separata da poco nonostante mio padre abbia un patrimonio di quasi 50000 euro l’anno dichiarato, il giudice a stabilito che dovesse versare per me mia madre e mia sorella 1000 euro al mese, non riusciamo ad arrivare quasi a fine mese, non possiamo neanche comprarci un maglioncino, il problema è un altro la casa di proprietà di mio padre è stata assegnata a mia madre, senza fare manzione sulle spese di condominio, come possiamo pagare 200 euro di condominio se non riusciamo neanche a vivere dignitosamente? mi dica se ci sono soluzioni in merito la rigrazio

    1. Fabrizio, dalla sua domanda non si comprende se suo padre le versa l’assegno. In caso negativo, c’è la possibilità di un procedimento penale che, in genere, ha una sua efficacia persuasiva

  3. Salve,
    volevo sapere per il discorso utenze.
    La mai ex compagna è rimasta nella casa di nostra proprietà.
    Le utenze sono ancora intestate a me, la sto sollecitando per fare le volture. ma si ostina a non farle. è evidente il motivo.
    nella casa ci vive con i nostri figli. stiamo aspettando la sentenza del giudice minorile.
    posso staccare le utenze se non vuole fare le volture?
    grazie

    1. Per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni..-

  4. Salve,
    volevo sapere per il discorso utenze.
    La mai ex compagna è rimasta nella casa di nostra proprietà.
    Le utenze sono ancora intestate a me, la sto sollecitando per fare le volture. ma si ostina a non farle. è evidente il motivo.
    nella casa ci vive con i nostri figli. stiamo aspettando la sentenza del giudice minorile.
    posso staccare le utenze se non vuole fare le volture?
    grazie

    1. Per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni.

  5. Salve sono separato di fatto con un figlio di 12 anni percepisco circa 1600 di stipendio, ho un mutuo di 579 euro un prestito di 159 euro e una rata fissa mensile di 114 euro per il gas un contratto che si chiama sumisura che ti permette di pagare un fisso di 114 di gas anche nei periodi estivi per evitare di avere bollette molto alte d’inverno. L’avvocato di mia moglie chiede di dare 500 al mese tra mantenimento e alimenti più tutte l’utente a carico mio. Compreso dell’assicurazione auto di mia proprita che ho lasciato a mia moglie. Ho proposto di pagare mutuo + prestito e dare 400, a me rimane circa 500 euro. Non ha accettato lei vuole almeno 500 + utenze . In pratica io resterai con 200 euro.

  6. salve,vorrei un’informazione per quanto riguarda l’abbonamento rai.
    L’intestatario dell’abbonamento è la mia ex compagna che nel mese di gennaio 2015 ha cambiato la residenza presso un’altra città,ma l’abbonamento risulta ancora l’indirizzo dove abito tutt’ora.
    Quindi cosa dovrei fare pagarlo io perché ancora risulta la mia abitazione dove sono tutt’ora,oppure deve pagarlo lei dato che è l’intestatario dell’abbonamento??
    Vi ringrazio anticipatamente.

  7. Buonasera, io e la mia ex compagna abbiamo comprato 10anni fa una casa per l’importo di 100 mila. La casa è intestata solamente a me ma lei ha corrisposto il 40% dell’importo.
    Dopo 10 anni siamo nella fase di separazione e quindi stiamo valutando l’ipotesi valutarla e capire quello che e’ suo.
    La domanda è: a prescindere della valutazione attuale , che percentuale tocca a tutti e due dopo 10 anni?
    Grazie

  8. salve! a breve riceverò la sentenza di separazione. intanto sto prendendo info sulla voltura delle utenze. nel mio caso le compagnie dovrebbero prevedere la voltura con accollo, vale a dire senza spese e senza modifiche contrattuali. la compagnia del gas (ENEIDE) vuole invece chiudere il vecchio contratto intestato al mio ex e farmi pagare € 55+iva per aprire identico contratto , ma intestato a me. già soltato qst mi sembra assurdo! cmq , questa spesa a chi spetta? a me o al mio ex?

  9. Sono un papà di una bambina andato via da casa nel dicembre del 2017, lasciando la casa, di proprietà di mia Madre, a mia moglie. Le utenze sono tutte intestate a me e regolarmente pagate fino a gennaio 2019 (dopo non ho più pagato a causa di una non buona situazione lavorativa). Da circa un mese, a seguito della prima udienza per una separazione giudiziale, il giudice ha stabilito tramite ordinanza presidenziale, l’assegnazione della casa a mia moglie con prevalenza nei confronti di mia moglie. Vorrei sapere se avrei dovuto pagare, come ho fatto, le utenze che ho pagato fino a gennaio 2019 e se è mio dovere pagare le utenze non pagate fino all’ordinanza presidenziale. Mia moglie non ne voleva sapere e continua a perdere tempo nel fare la voltura a suo nome e con la scusa che in quella casa ci abita anche nostra figlia mi ha tenuto e mi tiene sotto ricatto costringendomi a pagare. Mi scusi la lunga premessa, ma credo fosse necessaria. Cosa posso fare? Grazie

    1. Ti consigliamo di leggere i nostri articoli:
      -Assegnazione della casa familiare: cosa c’è da sapere https://www.laleggepertutti.it/281208_assegnazione-della-casa-familiare-cosa-ce-da-sapere
      -Staccare le utenze all’ex moglie dalla casa coniugale: si può? https://www.laleggepertutti.it/279820_staccare-le-utenze-allex-moglie-dalla-casa-coniugale-si-puo
      -A quale coniuge va la casa? https://www.laleggepertutti.it/244544_a-quale-coniuge-va-la-casa
      Se desideri sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione e all’analisi dei professionisti del nostro network, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza Sarai contattato entro 5 giorni lavorativi e potrai sempre chiedere eventuali delucidazioni sulla consulenza ricevuta.

Rispondi a Redazione Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube