Diritto e Fisco | Articoli

Processo infinito: indennizzo per le lungaggini anche a chi perde

3 Febbraio 2012
Processo infinito: indennizzo per le lungaggini anche a chi perde

Processo troppo lungo? Indennizzato anche chi perde, parola di Cassazione.

L’indennizzo derivante dalle lungaggini processuali spetta a tutte le parti, anche a quella che ha perso la causa.

La decisione della Cassazione [1] prende le mosse da un giudizio promosso innanzi al TAR nel lontano 1996 e non ancora definito nel 2009 (anno di deposito dell’azione di equa riparazione). Protraendosi per ben tredici anni, il processo ha superato di gran lunga il termine ragionevole di durata, individuato, per questo tipo di giudizi, in tre anni [2].

La Corte ha quindi condannato il Ministero dell’Economia al pagamento dell’indennizzo (introdotto dalla famosa Legge Pinto [3]) ed ha altresì espresso il principio secondo il quale l’azione di equa riparazione spetta a tutte le parti del processo, a prescindere dal fatto che esse siano state vittoriose o soccombenti.

Non potrà invece avvalersi del rimedio chi, ad esempio, ha resistito in giudizio solamente allo scopo di allungare i tempi. In sostanza, chi utilizza in modo strumentale il processo, perché è evidente che esso avrà un risultato sfavorevole, compie un vero e proprio “abuso di processo” [4].

Con questa sentenza, la Corte ha voluto ribadire che spetta a chiunque (e non solo ai vincitori) la possibilità di veder risarciti i danni derivanti dalla mostruosa lentezza della giustizia italiana, ad eccezione dei “furbetti” che vogliano approfittare della situazione.

di BIAGIO FRANCESCO RIZZO


note

[1] Cass. sent. n. 35 del 9 gennaio 2012.

[2] Termine individuato sulla base dei livelli stabiliti dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e dalla Cassazione.

[3] Legge n. 89/2001.

[4] Tuttavia la prova dell’abuso spetta all’Amministrazione.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube