Business | Articoli

Bonus disoccupati 2016: come funziona, quando, quanto e a chi spetta

29 Dicembre 2015 | Autore:
Bonus disoccupati 2016: come funziona, quando, quanto e a chi spetta

Nuovo sgravio contributivo 2016 per assunzione disoccupati: lavoratori ed aziende ammessi ed esclusi, durata, ammontare, compatibilità con altre agevolazioni.

Con l’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016, è stato prorogato, anche se con alcuni mutamenti, il Bonus Disoccupati, noto anche come Bonus Assunzioni: si tratta del diritto all’esonero contributivo per l’assunzione a tempo indeterminato di soggetti privi di occupazione da almeno 6 mesi.

L’incentivo spetta, dunque, laddove sia instaurato un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, con un soggetto che risulta privo di occupazione (a tempo indeterminato) da oltre 6 mesi: la misura dell’agevolazione è pari, per le assunzioni effettuate dal primo gennaio 2016 in poi, al 40% dei contributi dovuti all’Inps dal datore di lavoro, sino ad un massimo di 3.250 Euro l’anno, ma deve essere riproporzionata per i lavoratori con contratto a tempo parziale e per gli assunti in corso d’anno. La durata del beneficio è di 24 mesi.

Il beneficio, da quanto emerge, è notevolmente inferiore a quello previsto per gli inserimenti effettuati nel corso del 2015: per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato attivati sino al 31 dicembre 2015, difatti, spetta uno sgravio contributivo pari al 100% della contribuzione a carico del datore, sino ad un tetto massimo di 8.060 Euro, per 36 mesi.

Vediamo ora in quali ipotesi spetta il bonus, come deve essere calcolato, e quali sono le agevolazioni compatibili.

Bonus disoccupati 2016: a chi spetta

Il Bonus assunzioni 2016 spetta nelle seguenti ipotesi:

– lavoratore disoccupato da oltre 6 mesi: l’agevolazione spetta senza alcun problema se il lavoratore non ha alcuna occupazione, per un periodo pari o superiore ai 6 mesi precedenti l’assunzione;

lavoratore con contratto a tempo determinato: anche se il dipendente assunto risulta avere, nei 6 mesi precedenti, un contratto a termine, l’incentivo per l’assunzione a tempo indeterminato spetta comunque;

– lavoratore Co.co.co. o Partita Iva: il lavoratore con contratto parasubordinato o di lavoro autonomo, non configurando un rapporto a tempo indeterminato nei 6 mesi precedenti, darà ugualmente pieno diritto all’agevolazione;

somministrazione: anche le assunzioni di lavoratori in somministrazione godono dello sgravio, ma solo se a tempo indeterminato, a prescindere dalla durata delle missioni presso uno o più utilizzatori;

cambio appalto e trasferimento d’azienda: nel caso di cambi d’appalto o trasferimento d’azienda ( o di ramo d’azienda, o di fusione per incorporazione), è stato recentemente chiarito che il dipendente continua ad aver diritto al bonus, che passa alla ditta subentrante.

 

Bonus disoccupati 2016: a chi non spetta

Non si ha invece diritto al Bonus disoccupati 2016 nelle seguenti ipotesi:

– lavoratore con contratto a tempo indeterminato all’estero: laddove il dipendente risulti avere, nei 6 mesi precedenti, un rapporto a tempo indeterminato svolto all’estero, non otterrà il diritto al Bonus (anche se non assicurato, poichè non obbligato dalla normativa della Nazione in questione)

– lavoratore con 2 contratti a tempo indeterminato: qualora il dipendente risulti assunto da due diverse aziende, con due rapporti part time a tempo indeterminato, l’incentivo è fruibile per entrambi i datori di lavoro. Dovrà però essere riproporzionato secondo le ore di lavoro svolte presso ciascuna azienda, e la data di assunzione dovrà essere la stessa per entrambi i rapporti, poiché, diversamente, si configurerebbe un precedente contratto a tempo indeterminato, che pregiudicherebbe il diritto al bonus per i rapporti successivi;

– lavoratore con periodo di prova non superato: se il dipendente è stato cessato da un precedente rapporto incentivato a tempo indeterminato, a causa del mancato superamento del periodo di prova, non avrà più diritto al bonus;

apprendistato: il bonus non è fruibile per l’assunzione di apprendisti (per i quali sono comunque previsti degli sgravi molto più convenienti);

– precedente rapporto agevolato: se tra il lavoratore e il datore (o una società controllata o collegata, o facente capo allo stesso soggetto, anche per interposta persona) vi è già stato un precedente rapporto agevolato, non si avrà diritto al bonus.

lavoro intermittente: è escluso dall’incentivo il lavoro intermittente, o a chiamata.

Ricordiamo, infine, che non possono usufruire del Bonus le ditte non in possesso del Durc (cioè non in regola con il versamento di contributi e premi), e che non rispettano la normativa in materia di lavoro, salute e sicurezza, nonché i Contratti Collettivi.

Bonus disoccupati 2016 e Maternità

Nei periodi di maternità obbligatoria il bonus assunzione è sospeso, ed è posticipato, al termine dell’astensione, il periodo di fruizione dell’agevolazione.

Bonus disoccupati 2016: come si calcola

Lo sgravio deve essere calcolato sui contributi Inps a carico del datore di lavoro (la cui aliquota varia in funzione dell’Inquadramento assegnato dall’Inps), in misura pari al 40%, e comunque non superiore a 3.250 euro l’anno: ciò significa che, qualora il 40% dei contributi annui a carico del datore sia al di sopra di tale soglia, lo sgravio andrà progressivamente proporzionato. L’incentivo deve essere sottratto ai contributi mensili da pagare , e sarà evidenziato nel modello Uniemens da trasmettere all’Inps con il Codice Agevolazione TRIE, Ente finanziatore H00- Stato.

Bonus disoccupati e altri bonus

Il Bonus disoccupazione è compatibile con quasi tutti incentivi all’assunzione, come il Bonus Garanzia Giovani e Giovani Genitori, e con la fruizione dell’eventuale quota dell’indennità di mobilità o della disoccupazione restante al lavoratore. Sono esclusi i Bonus donne disoccupate ed il Bonus over 50 (che prevedono, entrambi, uno sgravio del 50% dei contributi a carico dell’azienda, per disoccupati over 50 da oltre 12 mesi, e per donne disoccupate da oltre 6 mesi, appartenenti a determinati settori lavorativi e territori, o da oltre 24 mesi, negli altri casi);

È però possibile godere prima dell’agevolazione donne e over 50, per un rapporto a termine, poi del bonus disoccupati, per la trasformazione a tempo indeterminato dello stesso contratto.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. è dall’ottobre 2012 che non ho un lavoro, soltanto quest’anno qualche lavoretto coi Voucher (200 euro in 1 anno).
    Ho diritto a qualcosa??
    L’INPS dice di no e voi?

  2. è un Bonus che l’Inps riconosce alle aziende che assumono disoccupati da oltre 6 mesi, quindi il lavoratore non deve far nulla, a parte provare all’azienda che non aveva, nei 6 mesi precedenti, un contratto a tempo indeterminato. Allo scopo può richiedere la scheda anagrafica al proprio centro per l’impiego, da esibire in caso di controlli dell’Inps.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube