Licenziamenti: mobilità ridotta da gennaio 2015

23 Novembre 2014
Licenziamenti: mobilità ridotta da gennaio 2015

Inizia il percorso disciplinato dalla riforma Fornero di equiparazione delle diverse durate ora in vigore: penalizzati i lavoratori del Sud.

 

Da gennaio i trattamenti economici per chi è stato licenziato a seguito di una procedura di riduzione del personale, e pertanto si trova nella cosiddetta “mobilità”, subiranno una notevole diminuzione. È questa la conseguenza della riforma voluta dalla Fornero e che ora entra nel vivo dell’applicazione. Lo scopo della legge [1] è quello di superare le attuali differenze di regole tra diversi settori produttivi, età dei lavoratori e territorio, in modo da arrivare, entro il 2017, a un trattamento di disoccupazione unico e uguale per tutti, della durata di 12 mesi. Per arrivare a questa uniformità verranno immediatamente e maggiormente colpite proprio quelle categorie di lavoratori oggi “privilegiate”, che si distanziano di più da tale standard.

 

1 | PER I LAVORATORI DEL CENTRO NORD

a) Per i dipendenti fino a 39 anni, la disciplina, in caso di licenziamento, resta invariata: il trattamento di mobilità, attualmente previsto per 12 mensilità, resta uguale nel 2015 e negli anni successivi.

b) Invece per i lavoratori tra i 40 e i 49 anni, il licenziamento nel 2015 darà diritto a un trattamento della durata massima di 18 mesi (anziché 24 mesi) e dal 1° gennaio 2016 scenderà a 12 mesi.

c) Per i lavoratori di età uguale o superiore ai 50 anni, nel 2015 il trattamento scende da 36 a 24 mesi e nel 2016 verrà ridotto a 12 mesi.

2 | PER I LAVORATORI DEL SUD

a) I lavoratori con massimo 39 anni potranno avere, nel 2015, un trattamento della durata massima di 12 mesi (anziché, come attualmente, di 24 mesi).

b) I lavoratori tra i 40 e i 49 anni avranno una mobilità per massimo 24 mesi (contro i 36 previsti per il 2014). La riduzione proseguirà nel 2016, quando il tetto scenderà a 18 mesi, e nel 2017, quando approderà alla soglia finale di 12.

c) La categoria più colpita dalla riduzione è quella dei lavoratori del Sud con età uguale o superiore ai 50 anni. In questo caso il trattamento scende drasticamente da 48 mesi a 36. Per il 2016 scenderà ulteriormente a 24 mensilità e a 12 nel 2017.

Cambiano le durate dei trattamenti, ma restano invariate le regole per la maturazione del diritto, almeno fino a quando non saranno approvati i decreti attuativi del Jobs Act, in discussione alla Camera.

I predetti termini di durata della mobilità dipenderanno dalla data del licenziamento: pertanto, ai lavoratori licenziati entro il 31 dicembre del 2014 non si applicano le riduzioni appena indicate.


note

[1] Art. 2, comma 46 della legge 92/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube