Business | Articoli

Selfiemployment, al via le domande da metà gennaio

8 Gennaio 2016 | Autore:
Selfiemployment, al via le domande da metà gennaio

Nuovo prestito a tasso zero per giovani sino a 50000 Euro: da metà gennaio sarà possibile inviare le domande a Invitalia.

A poca distanza dall’attivazione del finanziamento agevolato Nuove Imprese a Tasso Zero, sta per partire un’altra misura che consiste in un prestito a tasso zero per mettersi in proprio, il cui soggetto gestore è Invitalia: l’incentivo si chiama Selfiemployment, ed è stato finanziato con 124 milioni di Euro.

Selfiemployment: come funziona

Come abbiamo detto, Selfiemployment consisterà in un finanziamento senza interessi, ma sarà dedicato solo agli under 29 iscritti al programma Garanzia Giovani. Peraltro, nella prima fase, il prestito sarà accessibile soltanto dagli iscritti a Garanzia Giovani che fanno parte della categoria dei Neet (in buona sostanza, coloro che non sono impegnati in percorsi di studio o di tirocinio, né in attività lavorativa), ed in un secondo momento sarà esteso ad altre categorie, come donne e disoccupati di lunga durata.

La cifra massima erogabile sarà pari a 50.000 Euro, mentre il minimo richiedibile sarà pari a 5.000 Euro: il finanziamento deve essere restituito in 7 anni, e non è soggetto a garanzie.

Invitalia seguirà i beneficiari sia nella fase di Start Up, che nella fase successiva, offrendo loro un tutoraggio completo; una misura che ha una duplice valenza: da un lato, non si lasciano allo sbaraglio i giovani che, con la loro volontà di fare impresa e di essere parte attiva nello sviluppo del nostro Paese, rappresentano una risorsa preziosa e, dall’altro lato, col tutoraggio l’Agenzia avrà pieno controllo della corretta destinazione dei finanziamenti.

Selfiemployment: attività incentivabili

La misura finanzierà i giovani che vogliono mettersi in proprio sia come liberi professionisti o lavoratori autonomi, che sotto forma d’impresa, sia individuale che società. Nel dettaglio, saranno incentivabili le seguenti attività:

lavoro autonomo;

– attività di impresa, sotto forma di:

microimpresa;

franchising.

Sono ammesse le seguenti forme di esercizio dell’attività:

impresa individuale;

società (con compagine composta per la maggioranza da Neet);

associazioni;

– società di professionisti.

Non saranno, comunque, finanziabili tutte le attività a prescindere, ma soltanto le più meritevoli in termine di innovazione, competitività, redditività, occupazione e rispondenza a un reale bisogno di mercato.

Selfiemployment: domande

In attesa di precise specifiche, si ritiene che le domande dovranno essere inoltrate direttamente a Invitalia, soggetto gestore dell’iniziativa, con le consuete modalità utilizzate per la richiesta di finanziamenti all’ente.

Probabilmente, pertanto, sarà creato all’interno del portale web dell’Ente gestore un’apposita sezione Selfiemployment, all’interno della quale sarà reperibile il form online da compilare relativo alla domanda, che conterrà le principali specifiche dell’idea d’impresa, il Piano d’impresa da allegare all’iniziativa, le relative autodichiarazioni e la documentazione inerente da allegare (fatture, preventivi, planimetrie, perizie, e quanto i renderà necessario, a seconda della specifica attività da avviare).

All’interno del sito di Invitalia, relativamente a ciascuna misura agevolativa, sono presenti istruzioni e faq molto semplici da comprendere, tuttavia, se non si ha una certa dimistichezza in materia contabile e amministrativa, è consigliabile domandare l’aiuto di un commercialista o di un consulente, specie per la compilazione del business plan.


01 | GLI INCENTIVI
Gli incentivi per 50 milioni di euro sono rivolti ai giovani e alle donne che vogliono avviare micro e piccole imprese.

02 | LA PLATEA

Le agevolazioni sono destinate alle imprese partecipate in prevalenza da donne o da giovani tra i 18 e i 35 anni. Sono ammesse ai finanziamenti le aziende già costituite e quelle in via di costituzione.

03 | L’UTILIZZO
La misura è valida in tutta Italia e finanzia progetti con spese fino a 1,5 milioni di euro.

note

Autore immagine: 123rf com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube