Diritto e Fisco | Articoli

Se il fisco riclassa l’immobile per analogia con altri, va indicato il termine di paragone

23 novembre 2014


Se il fisco riclassa l’immobile per analogia con altri, va indicato il termine di paragone

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 novembre 2014



Categoria, classe e rendita dell’edificio non bastano: l’avviso dell’Agenzia del Territorio deve specificare le caratteristiche dei fabbricati considerati che li renderebbero simili al cespite oggetto del provvedimento.

È nullo il riclassamento dell’immobile effettuato dal fisco se non contiene le motivazioni e i presupposti in base ai quali è associata tale modifica. Potrebbe avvenire, infatti, che le ragioni della variazione di valore dell’edificio consistano nella constatazione di una manifesta incongruenza rispetto al valore di fabbricati similari: ma in tal caso è necessario che l’atto indichi specificamente quali siano tali fabbricati, il loro classamento e le caratteristiche che li renderebbero, a parere dell’Ufficio, analoghi all’immobile del contribuente.

Tale principio è stato affermato dalla Cassazione in una sentenza [1] depositata lo scorso 21 novembre.

Nella motivazione dell’avviso di riclassamento – ricorda la Suprema Corte – devono necessariamente essere elencati i fatti sui quali l’Amministrazione basa la propria pretesa impositiva. In caso contrario, il diritto di difesa del contribuente risulterebbe irrimediabilmente compromesso.

Di conseguenza, l’atto di classamento dovrà ritenersi nullo per difetto di motivazione non solo quando manchi di indicare gli immobili serviti da comparazione, ma altresì quando non siano indicate le caratteristiche analoghe degli immobili comparati. Il provvedimento del fisco non può ritenersi sufficientemente motivato con la sola enunciazione della categoria, classe e rendita dell’immobile considerato.

Nel caso, dunque, in cui il riclassamento non espliciti i caratteri tipologici e costitutivi dell’immobile né gli immobili analoghi con cui viene effettuata la comparazione è viziato e può essere annullato dal giudice tributario.

note

[1] Cass. sent. n. 24821/14.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI