Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Revisione della patente: in che cosa consiste?

14 Gennaio 2023 | Autore:
Revisione della patente: in che cosa consiste?

Come riavere la licenza di guida se Motorizzazione o Prefetto dispongono il controllo dell’idoneità psicofisica o tecnica per infrazioni commesse.

La revisione della patente è uno dei provvedimenti ostativi che interessano il permesso di guida. Scatta quando c’è la necessità di verificare se il titolare sia ancora in grado di mettersi al volante di un veicolo in condizioni di completa sicurezza, sia dal punto di vista psicofisico sia da quello normativo. Devono essere fatti, di conseguenza, alcuni controlli. Nello specifico, però, la revisione della patente in che cosa consiste?

Non occorre fare confusione tra revisione e rinnovo della patente, poiché sono due pratiche diverse e motivate da fattori differenti. Mentre il rinnovo della licenza corrisponde ad una scadenza periodica uguale per tutto gli automobilisti, la revisione viene richiesta dalla Motorizzazione civile o dal Prefetto nei confronti di un singolo patentato in casi specifici. Ecco, dunque, che cosa deve fare il conducente in questi casi e in che cosa consiste la revisione della patente.

Quando viene chiesta la revisione della patente?

Come detto, spetta alla Motorizzazione civile o al Prefetto decidere se un automobilista deve fare o meno la revisione della patente. Tale provvedimento ostativo scatta in certe situazioni provocate da una condotta dell’automobilista contraria al Codice della strada.

In sostanza, Motorizzazione o Prefetto dispongono la revisione della patente se sorge il dubbio che il titolare del permesso di guida possa aver perso l’idoneità psichica o fisica per continuare a sedersi al volante di un veicolo oppure quando ha perso tutti i punti della patente a causa di numerose infrazioni o di poche violazioni gravi che hanno azzerato il punteggio a disposizione.

A quel punto, chi attiva il provvedimento può imporre all’automobilista una visita medica e/o un esame di idoneità tecnica. L’esito viene comunicato agli uffici competenti affinché la patente venga di nuovo attivata oppure sia sospesa o revocata.

La visita medica viene disposta obbligatoriamente in caso di:

  • guida in stato di abbrezza grave o sotto effetto di sostanze stupefacenti;
  • stato di coma di durata superiore alle 48 ore;
  • conducente minorenne che ha commesso delle violazioni per le quali è prevista la sospensione della patente;
  • conducente che ha provocato un incidente in cui qualcuno ha riportato delle lesioni gravi.

Il provvedimento con cui viene è stata disposta la revisione è impugnabile davanti al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro 30 giorni dalla data in cui è stato ricevuto. È anche possibile presentare ricorso al Tar entro 60 giorni dalla stessa data.

Come si svolge la revisione della patente?

La visita medica richiesta per la revisione della patente è del tutto simile a quella che viene effettuata quando si deve conseguire o rinnovare il permesso di guida. Se, invece, viene richiesta la verifica dell’idoneità tecnica, l‘automobilista interessato deve sostenere l’esame teorico e la prova di guida, come se dovesse fare a patente per la prima volta.

Se viene richiesto il controllo psicofisico, il titolare della patente viene invitato a sottoporsi alla visita medica entro 30 giorni dalla data in cui ha ricevuto la comunicazione. La visita si svolgerà presso la Commissione medica locale.

Per quanto riguarda, invece, la prova di idoneità, l’automobilista dovrà prenotare l’esame di teoria e di guida presso l’Ufficio provinciale del Dipartimento Trasporti Terrestri competente per territorio entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento di revisione della patente. L’esame teorico si svolge con un sistema informatizzato, cioè viene chiesto all’interessato di compilare un questionario a quiz estratto a caso da un database predisposto dalle autorità competenti.

L’esito negativo dell’esame di revisione comporta la revoca della patente. L’esame di teoria si intende superato sulla base di questo schema, a seconda della categoria della patente:

  • categoria AM: 20 quiz da fare in 20 minuti. Prova superata con non più di due errori;
  • categorie A1, A2, A, B1, B, BE: 20 quiz da fare in 30 minuti. Prova superata con non più di tre errori;
  • categorie C1 e C1E con codice unionale 97: da fare in 30 minuti. Prova superata con non più di tre errori;
  • categorie C1, C1E, C, CE: 30 quiz da fare in 30 minuti. Prova superata con non più di tre errori;
  • categorie D1, D1E, D, DE: 30 quiz da fare in 30 minuti. Prova superata con non più di tre errori;
  • categoria CQC merci o persone: 70 quiz da fare in quaranta minuti. Prova superata con non più di sette errori.

Per partecipare alla prova di revisione, è necessario presentarsi con la patente di guida originale oppure con il provvedimento di sospensione in originale con notifica del ritiro della patente.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube