Business | Articoli

Lo stato di insolvenza della società e il fallimento

13 Gennaio 2016
Lo stato di insolvenza della società e il fallimento

Quando i debiti sono tali da determinare la dichiarazione di fallimento da parte del tribunale.

La legge richiede, come presupposto per la dichiarazione di fallimento, lo stato di insolvenza dell’azienda [1].

Lo stato di insolvenza è definito come una situazione di impotenza, funzionale e non transitoria, che non permette alla società di soddisfare regolarmente e con mezzi normali le proprie obbligazioni, a seguito del venir meno delle condizioni di liquidità e di credito necessarie all’attività commerciale.

Nel corso della sua vita, la società può attraversare dei momenti di crisi lieve o non irreversibile. In tali casi può chiedere l’accesso a delle misure tipiche (concordato preventivo, piano di risanamento e accordo di ristrutturazione) che le consentano di superare la crisi o di trovare un accordo con i creditori, evitando il fallimento.

Se invece la società diventa insolvente, non essendo più in grado di soddisfare le proprie obbligazioni, la legge disciplina alune procedure finalizzate a liquidare quanto resta del patrimonio, dividendolo tra i creditori. La più importante di queste procedure c.d. concorsuali è il fallimento.

La società insolvente difficilmente può rimediare agli squilibri di una simile situazione, posto che il costo del risanamento potrebbe superare il valore che l’azienda ha per il proprietario o per i creditori.

Le manifestazioni esterne dell’insolvenza sono moltissime. In mancanza di una tipizzazione della legge, la giurisprudenza individua come possibili indici di insolvenza: i rapporti con le banche; la cessazione dei pagamenti o i pagamenti con mezzi anormali; gli inadempimenti gravi e importanti ma anche l’inadempimento di una sola obbligazione, se dimostra uno stato di grave dissesto; i numerosi decreti ingiuntivi elevati contro il debitore; i protesti rilevanti per numero, entità e frequenza.

L’impresa può essere insolvente anche se il suo patrimonio netto è positivo se essa non ha i mezzi per effettuare adempimenti regolari e con mezzi normali [1]. Lo stato di insolvenza richiesto ai fini della pronunzia dichiarativa del fallimento non è infatti escluso dalla circostanza che l’attivo superi il passivo e che non esistano conclamati inadempimenti esteriormente apprezzabili. È quanto chiarito di recente dalla Cassazione [1].

Il significato oggettivo dell’insolvenza, che è quello che deriva da una valutazione circa le condizioni economiche necessarie all’esercizio di attività economiche e si identifica con uno stato di impotenza funzionale non transitoria a soddisfare le obbligazioni inerenti all’impresa. Inoltre, si esprime nell’incapacità di produrre beni con margine di redditività da destinare alla copertura delle esigenze di impresa, nonché nell’impossibilità di ricorrere al credito a condizioni normali, senza rovinose decurtazioni del patrimonio.

Cosa si può fare in caso di insolvenza

La società che si trova in stato di insolvenza può percorrere diverse vie:

– deliberare lo scioglimento, liquidare i beni aziendali e ripartirne il ricavato tra i creditori. Al termine della procedura l’impresa si estingue. Se uno o più creditori non sono soddisfatti e non rinunciano a far valere le loro pretese, la liquidazione sfocia in una procedura concorsuale (nella maggioranza dei casi: fallimento o concordato preventivo con finalità liquidatorie);

– chiedere l’ammissione alla procedura di concordato preventivo (con finalità liquidatorie);

– chiedere il fallimento (che però può essere sollecitato anche dai creditori o dal P.M.).

Solo se ricorrono i presupposti particolari (attività esercitata o notevoli dimensioni aziendali) la società può chiedere l’ammissione alla liquidazione coatta amministrativa (LCA) o all’amministrazione straordinaria.


note

[1] Art. 5 Legge fall.

[2] Cass. ord. n. 98/16 del 7.01.2016.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube