Cronaca | News

Quanti riservisti potrà richiamare alle armi Putin?

22 Settembre 2022 | Autore:
Quanti riservisti potrà richiamare alle armi Putin?

Oggi, è stata diffusa la notizia che Mosca possa mobilitare un milione di riservisti, ma dal Cremlino è subito arrivata la smentita.

Nel discorso pronunciato ieri, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che verranno richiamati alle armi 300mila riservisti con esperienza di combattimento da inviare in Ucraina, per potenziare l’esercito stremato dai mesi di combattimento. Da allora si è scatenato il panico: mobilitazioni in piazza per protestare contro la scelta di Putin, arresti e tentativi di fuga dal paese.

La situazione, poi, è degenerata quando oggi è stata diffusa la notizia che Vladimir Putin potrà chiamare a combattere in Ucraina fino ad un milione di riservisti. Questo è quanto rivela il quotidiano indipendente Novaya Gazeta, che opera dall’esilio, fornendo un numero ben superiore ai 300mila russi «con una precedente esperienza militare» che potrebbero essere richiamati, di cui ha parlato il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, dopo il discorso di Putin.

Il numero vero della portata della mobilitazione parziale sarebbe contenuto nel settimo paragrafo del decreto firmato ieri da Putin che è stato secretato, hanno riferito alcune fonti al quotidiano. «Questo numero è stato corretto varie volte – hanno raccontato ancora – alla fine si sono accordati su un milione».

Putin ha detto che la chiamata alle armi interesserà «cittadini che sono attualmente riservisti, specialmente quelli che hanno già servito nelle forze armate, hanno una certa professionalità ed esperienza militare. Quelli che non hanno mai visto o sentito nulla di militare non ci saranno», ha aggiunto Shoigu affermando che gli studenti «continueranno ad andare in classe».

La replica del portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, non è tardata ad arrivare: «Questa è una bugia». Lo ha affermato Peskov, parlando con Ria Novosti, in merito alla notizia pubblicata da Novaya Gazeta. Il numero ufficiale, pertanto, resta quello di 300mila persone da poter richiamare.

Nel frattempo, le autorità della repubblica russa del Tatarstan hanno vietato a tutti i riservisti di lasciare la regione, secondo quanto scritto da Moscow Times. L’ordine è stato diffuso all’indomani del decreto di mobilitazione dei riservisti da mandare in guerra in Ucraina, annunciato ieri dal presidente russo Vladimir Putin.

Le autorità del Tatarstan hanno anche imposto a tutti i datori di lavoro di assicurarsi che i riservisti fra i loro dipendenti si presentino agli uffici di collocamento. Chi non lo farà sarà multato. Tutti i dipendenti riservisti della Kazanorgsintez, una delle maggiori industrie chimiche russe, hanno ricevuto stamattina la convocazione dell’ufficio di arruolamento.

«Penso che il Tatarstan sceglierà la via più semplice e mobiliterà soprattutto dipendenti delle imprese di stato, oltre ad abitanti di villaggi e piccole città dove la gente non ha diritti, dipende dal governo e non sa dove nascondersi», commenta il giornalista tataro Ruslan Aysin. Situata 800 km a est di Mosca, la Repubblica del Tatarstan conta 3,5 milioni di abitanti. Non è stato reso noto il numero dei riservisti che verranno mobilitati, ma Aysin stima che saranno 5-6mila. Almeno 131 abitanti di questa regione sono già morti nella guerra in Ucraina, secondo un calcolo del sito di news Idel-Realii.



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube