Business | Articoli

La piccola società o imprenditore non fallisce (quasi) mai

17 Gennaio 2016
La piccola società o imprenditore non fallisce (quasi) mai

Preclusa la dichiarazione di fallimento alla ditta o alla piccola società dell’imprenditore che non supera le soglie fissate dalla legge.

La società che esercita un’attività commerciale non può fallire se dimostra di rimanere contemporaneamente sotto le tre seguenti soglie di fallibilità:

– l’attivo patrimoniale annuo complessivamente non deve essere superiore a 300.000 euro nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore;

– i ricavi lordi annui complessivamente non devono superare i 200.000 euro nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento o dall’inizio dell’attività della società se di durata inferiore;

– i debiti, anche quelli non scaduti, non devono superare i 500.000 euro.

L’indebitamento deve essere verificato al momento in cui è presentata l’istanza di fallimento o in cui è dichiarato il fallimento.

Tali soglie non devono essere superate per nessuno dei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento (o del minor periodo di riferimento).

L’ammontare delle soglie può essere aggiornato ogni tre anni con decreto del Ministro della Giustizia.

Pertanto, non può essere dichiarato fallito il piccolo imprenditore (si pensi a una ditta individuale o a una piccola Snc o Sas).

Tuttavia, secondo una recente sentenza della Cassazione [1], il piccolo imprenditore può escludere la sua fallibilità solo se, all’udienza prefallimentare – quella indicata nel decreto del giudice a seguito del ricorso del creditore – deposita i bilanci degli ultimi tre anni.

Quando la società non deposita i bilanci dell’ultimo triennio, in particolare, è impossibile per il tribunale verificare se è vero che nel periodo l’azienda ha effettuato investimenti per meno di 300 mila euro e conseguito ricavi per meno di 200 mila. E non può essere il giudice a supplire alle carenze della parte processuale.

Pertanto, l’imprenditore che si ritiene “piccolo” tanto da non superare la soglia di fallibilità farà bene a costituirsi in giudizio depositando i bilanci degli ultimi tre anni: altrimenti non può sperare che sia esclusa la sua insolvenza per il mancato raggiungimento dei requisiti dimensionali. E ciò perché se è vero che il procedimento fallimentare ha natura officiosa il tribunale non può certo trasformarsi in organo di ricerca della prova.

L’onere di provare il mancato superamento della soglia di fallibilità risulta costituito in modo esplicito a carico dell’imprenditore. Pertanto se la società si costituisce nella fase prefallimentare senza fornire alcuna prova della causa per la quale dovrebbe essere esonerata dal fallimento per il mancato superamento dei requisiti dimensionali, il giudice può ugualmente dichiarare il fallimento.


note

[1] Cass. sent. n. 625/16 del 15.01.2016.

Autore immagine: 123rf com

LA MASSIMA

Deve ribadirsi che l’onere della prova del mancato superamento dei requisiti dimensionali per la fallibilità sia posto a carico dell’imprenditore a nulla rilevando la natura officiosa del procedimento fallimentare, tenuto conto che essa ha natura relativa, importando solo che il tribunale possa attingere elementi di giudizio dagli atti e documenti acquisiti, anche indipendentemente da una specifica allegazione di parte, ma non pure che debba trasformarsi in organo ufficioso di ricerca della prova: tanto meno, ove l’imprenditore neppure si costituisca in giudizio e quindi non depositi i propri bilanci dell’ultimo triennio, rilevanti ai fini in esame.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube