Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Quali elettrodomestici si possono acquistare con la legge 104?

22 Gennaio 2023 | Autore:
Quali elettrodomestici si possono acquistare con la legge 104?

Qual è la differenza tra invalido civile e portatore di handicap? Quando si possono acquistare beni per la casa a prezzo agevolato?

La legge tutela le persone che, a causa delle proprie patologie, sono più fragili delle altre. A tanto provvede attraverso il riconoscimento di alcune agevolazioni di tipo economico e lavorativo. Con questo articolo ci occuperemo di una questione specifica: vedremo cioè quali elettrodomestici si possono acquistare con la legge 104.

In pratica, scopriremo se la legge garantisce acquisti agevolati ai soggetti portatori di handicap anche con riferimento alla compera di beni per la casa come lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, ecc. In effetti, tutti sanno che, in alcune ipotesi, il portatore di handicap può godere dell’iva agevolata sulla compravendita delle automobili. Ma cosa dice la legge a proposito degli elettrodomestici? Si possono acquistare con la legge 104 a condizioni agevolate? Scopriamolo insieme.

Chi ha diritto alla legge 104?

La legge 104 [1] garantisce i suoi benefici alle persone a cui è riconosciuto lo status di “portatore di handicap”.

Tecnicamente, la persona handicappata è colei che ha difficoltà d’inserimento sociale a causa della patologia o menomazione di cui risulta affetta. Si pensi a chi è costretto a vivere su una sedia a rotelle, ad esempio.

Handicap e invalidità sono due concetti differenti, per quanto è praticamente impossibile che una persona con handicap non abbia anche un certo grado di invalidità. Vediamo quali sono le differenze.

Differenza tra invalidità ed handicap

Come appena detto, handicap e invalidità poggiano su presupposti diversi; nello specifico:

  • l’invalidità civile è un riconoscimento sanitario che indica quanto le patologie di cui soffre il soggetto siano in grado di incidere sulla possibilità di svolgere le funzioni e le attività della vita quotidiana in rapporto all’età. Ciò significa che una persona anziana non potrà chiedere l’invalidità civile se, ad esempio, non riesce più a correre come un ragazzo,
  • l’handicap, invece, è una valutazione che ha carattere sociale e sanitario, perché dice fino a che punto la patologia incide sulla vita di relazione e sulla sua possibilità di integrazione scolastica e sociale della persona malata. Si pensi alla persona costretta su una carrozzina oppure priva dell’uso delle braccia.

Inutile negare che la stessa patologia (o lo stesso complesso di patologie) possa incidere sia sul grado di invalidità che su quello di handicap, tant’è vero che quasi sempre la persona totalmente invalida (100%) è anche handicappata.

Questa conclusione non è però obbligatoria. Ad esempio, una persona che soffre di una patologia mentale potrebbe essere riconosciuta invalida ma non handicappata.

Quali sono i benefici della legge 104?

La legge 104 riconosce alle persone handicappate diversi benefici, nessuno dei quali però consiste in una prestazione economica, attribuita invece nel caso di grave invalidità civile (assegno mensile, pensione e, nei casi più gravi, indennità di accompagnamento).

Le principali agevolazioni che riconosce la legge 104 ai portatori di handicap sono le seguenti:

  • permessi lavorativi, concessi anche ai familiari (cosiddetti caregiver) per assistere la persona portatrice di handicap;
  • agevolazioni per l’acquisto di veicoli, consistenti nella detrazione Irpef del 19% sul costo del veicolo (fino a 18.075,99 euro), applicazione dell’iva al 4% sull’acquisto, esenzione dal pagamento del bollo, esonero dell’imposta di trascrizione per i passaggi di proprietà;
  • detrazione della spesa di assistenza per i familiari con una persona disabile a carico, come le prestazioni Oss, gli educatori professionali, coordinatori, ecc. A queste si aggiungono le spese dell’assistenza infermieristica e riabilitativa;
  • detrazione spese sanitarie relative all’acquisto di mezzi per la deambulazione, spese mediche specialistiche, ecc.;
  • detrazioni spese per l’abbattimento di barriere architettoniche (costruzione di rampe, installazione di ascensori, montascale, ecc.);
  • detrazione Irpef del 19% sull’acquisto di mezzi informatici e Iva al 4%.

Legge 104: quali elettrodomestici si possono acquistare?

Veniamo ora alla domanda posta nel titolo del presente articolo: quali elettrodomestici si possono acquistare con la legge 104?

In effetti, la legge non prevede nulla a proposito dell’acquisto di elettrodomestici; questi beni, tuttavia, possono essere fatti rientrare tra quelli che possono agevolare la vita della persona handicappata.

Si pensi, ad esempio, all’acquisto di un sistema di intelligenza artificiale domotica che possa regolare le luci della casa oppure il volume della televisione: in un’ipotesi del genere si potrebbe beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalla legge.

Oppure, si pensi al computer che consente al portatore di handicap di poter interagire con più facilità, di poter contattare amici e parenti e di poter chiedere aiuto nel caso di necessità.

Insomma: con la legge 104 si possono acquistare tutti gli elettrodomestici rivolti a facilitare l’autosufficienza del portatore di handicap.

Tanto è stato confermato anche dall’Agenzie delle entrate [2], secondo cui l’Iva agevolata al 4% e la detrazione Irpef al 19% si applicano anche all’acquisto di elettrodomestici ma solo se si dimostra, con una certificazione medica, il collegamento tra la patologia e miglioramenti resi possibili dagli oggetti da acquistare.

Sono considerati miglioramenti quelli che facilitano l’autosufficienza, integrazione e la comunicazione interpersonale.

In estrema sintesi: si possono acquistare con la legge 104 solo gli elettrodomestici e i beni per la casa per i quali sussiste il collegamento funzionale tra la tipologia della menomazione e il sussidio tecnico o informatico.


note

[1] L. n. 104/1992.

[2] Agenzia delle entrate, risposta n. 422 del 24 ottobre 2019.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube