Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox: giustizia è fatta; accolti tutti i ricorsi per tardività delle multe

27 novembre 2014


Autovelox: giustizia è fatta; accolti tutti i ricorsi per tardività delle multe

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 novembre 2014



Possibile ricorrere anche al Prefetto per ottenere l’annullamento senza costi e senza giudici: condannati i Comuni che allungano i tempi per la notifica dei verbali all’automobilista.

In diversi articoli precedenti avevamo segnalato l’uso strumentale (quasi fraudolento) delle norme del codice della strada da parte dei Comuni che, pur di evitare la decadenza dai termini per la notifica dei verbali di contravvenzioni con autovelox (90 giorni dalla commissione dell’illecito), si aggrappano a una eccezione contenuta nella norma, eccezione che consente lo slittamento della notifica “a data da destinarsi” tutte le volte in cui è necessario compiere particolari accertamenti per individuare il proprietario del mezzo (leggi: “Migliaia di multe notificate in ritardo: come contestarle” e “Multe: quanto i Comuni falsano i tempi per la notifica”). In pratica, secondo l’artificiosa interpretazione degli agenti della polizia municipale, i 90 giorni decorrerebbero dalla visione del fotogramma scattato dall’autovelox: circostanza che non può di certo essere verificata dal cittadino e che, pertanto, può essere fatta slittare a piacimento dall’amministrazione.

Risultato: migliaia di cittadini si sono visti notificare contravvenzioni per violazione del codice della strada quando ormai i termini erano già abbondantemente trascorsi. E anche il ricorso al giudice non è riuscito a ripristinare la situazione di legalità: difatti, la Cassazione, qualche giorno fa, se n’era uscita con una sentenza del tutto orientata in favore delle casse degli enti locali e del loro perenne stato di decozione (leggi: “Da quando parte il termine dei 90 giorni per notificare la multa”).

Ora della vicenda si è finalmente interessato il Ministero dell’Interno che, con una nota inoltrata alla Prefettura Comune di Milano [1], fa sapere che le criticità organizzative della polizia locale non legittimano il superamento ordinario dei termini di rito previsti dal codice per la notifica delle sanzioni stradali che vanno conteggiati dal momento della commessa violazione e non dalla visione del fotogramma.

A parere del Dipartimento per gli affari interni e territoriali non è corretto fare decorrere i 90 giorni dalla data “in cui gli operatori visionano i fotogrammi e associano i dati della targa a quelli del proprietario del veicolo”. In tal senso, del resto, si era già espressa, nel lontano 1996, la Corte Costituzionale [2]. Ma – sottolinea il Ministero – lo stesso codice della strada [3] avalla tale interpretazione, laddove lo stesso evidenzia che “qualora l’effettivo trasgressore o altro dei soggetti obbligati sia identificato successivamente alla commissione della violazione la notificazione può essere effettuata agli stessi entro 90 giorni dalla data in cui risultino dai pubblici registri o nell’archivio nazionale dei veicoli l’intestazione del veicolo o comunque dalla data in cui la pubblica amministrazione è posta in grado di provvedere alla loro identificazione”.

In buona sostanza, le ragioni che possono legittimare la polizia stradale a superare i termini di rito non possono che dipendere da fattori esterni e non da prassi organizzative interne.

Come difendersi

Se avete ricevuto un verbale per una multa (specie se effettuata con autovelox) e, tra la data in cui è stata commessa l’infrazione e quella in cui il Comune ha consegnato il plico all’ufficio postale (data che risulta dal timbro sulla busta notificatavi) sono decorsi più di 90 giorni, avete un largo margine di possibilità di vincere il ricorso.

A tal fine una mossa opportuna potrebbe essere quella, in questo caso, di ricorrere al Prefetto che, essendo organo territoriale del Ministero, è più incline a recepire le circolari e le note ministeriali piuttosto che gli orientamenti della giurisprudenza.

E difatti, sebbene la Cassazione oggi sia orientata a favore del “termine lungo”, il Ministero, come appena detto, sposa l’interpretazione più restrittiva.

Nel ricorso dovreste citare e allegare la nota del Ministero degli Interni che potrete scaricare da questa stessa pagina cliccando sul seguente link: Ministero Interni, nota prot. n. 001698.

note

[1] Ministero dell’interno, dipartimento per gli affari interni e territoriali, con la nota prot. n. 001698 inoltrata il 7 novembre alla prefettura di Milano.

[2] C. Cost. sent. n. 198/1996.

[3] Art. 201 cod. str.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. da pochi gg ho pagato due multe con autovelox a milano posso ricorrere in base a quanto avete scritto la notifica mi è stata data dopo 6 mesi dall’accaduto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI