Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Come si fa l’abilitazione al MePA?

22 Gennaio 2023 | Autore:
Come si fa l’abilitazione al MePA?

La procedura per diventare fornitore della Pubblica amministrazione attraverso il Mercato elettronico.

Chi sono i fornitori della Pubblica amministrazione? Come fanno a mettersi in contatto con la «Cosa pubblica» per offrire prodotti e servizi? Ci sono delle cosiddette «corsie preferenziali»? Funziona con il passaparola? C’è una particolare burocrazia da seguire? In parte sì, ma non è così complicato. Dal 2003, le Amministrazioni che hanno bisogno di forniture hanno a disposizione una sorta banca dati chiamata MePA, cioè Mercato elettronico della Pubblica amministrazione. Una piattaforma che semplifica gli scambi gestiti dalla Centrale acquisti dello Stato con le aziende iscritte. Ma come si fa a finire dentro questo enorme database? Come si fa l’abilitazione al MePA?

Occorre premettere che l’Unione europea ha posto dei limiti alle transazioni da effettuare tramite la piattaforma: 134mila euro per le amministrazioni centrali e 207mila euro per gli altri enti pubblici come Camere di commercio, università, ecc.

Vediamo come funziona il MePA e come ottenerne l’abilitazione.

Che cos’è il MePA?

Come accennato, il MePA è una piattaforma elettronica che mette in contatto la Pubblica amministrazione ed i fornitori abilitati di beni e servizi. In pratica, quando un’amministrazione ha bisogno di effettuare un acquisto, può consultare l‘elenco dei fornitori iscritti al Mercato elettronico, i loro cataloghi e le tariffe dei vari prodotti e servizi.

Quando trova l’offerta più conveniente e più adatta alle sue esigenze, l’amministrazione può acquistare il bene o il servizio direttamente dalla piattaforma. In tal caso, emette un «ordine d’acquisto». Oppure chiedere all’azienda un preventivo per cercare di «trattare» sul prezzo ed effettuare l’acquisto in un secondo momento. L’amministrazione, dunque, farà sul MePA una «richiesta di offerta».

Il Mercato elettronico è accessibile a molte amministrazioni pubbliche come scuole, Regioni, Province e Comuni, camere di commercio, aziende ed enti sanitari, ecc.

Chi è ammesso al MePA?

Possono richiedere l’abilitazione al Mercato Elettronico tutti gli operatori economici ammessi a partecipare alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e della normativa comunitaria in materia. Non sono accettate le richieste pervenute da raggruppamenti temporanei di imprese e dai Consorzi Ordinari di concorrenti, nonché le aggregazioni tra imprese aderenti al contratto di rete prive di personalità giuridica.

In pratica, bisogna possedere alcuni requisiti, come l’abilitazione alla Camera di commercio e l’assenza di un divieto antimafia. Inoltre, l’iscrizione al MePA è riservata alle aziende che trattano determinate categorie merceologiche e che sono consone alle richieste avanzate nei bandi emanati dalla Consip, cioè la Centrale acquisti della Pubblica amministrazione.

Come fare l’abilitazione al MePA?

Per fare l’abilitazione al MePA occorre seguire una procedura online sul sito del Mercato elettronico della Pubblica amministrazione (acquistareinretepa.it), che richiede la registrazione. Qui si trovano i vari bandi organizzati in diverse categorie. L’abilitazione deve essere fatta dal legale rappresentante dell’azienda.

Effettuata la registrazione ed entrati nel portale con il proprio login, bisogna selezionare il menu «Vendi / Mercato elettronico delle PA». Si accederà a una pagina con i vari bandi a cui è possibile partecipare. Una volta entrati sul bando al quale si vuole partecipare, l’operatore economico può:

  • scaricare i Capitolati Tecnici, il Capitolato d’Oneri e altra documentazione dalla sezione «Documentazione per l’Abilitazione» in fondo alla pagina;
  • scaricare la numerazione dei Capitolati Tecnici e altra documentazione dalla sezione «Altra Documentazione» in fondo alla pagina;
  • consultare le Categorie di abilitazione del bando e visualizzare le informazioni principali per ciascuna di esse cliccando sulla freccia;
  • avviare la procedura di Abilitazione selezionando il pulsante «Partecipa».

A questo punto, il legale rappresentante dell’azienda sarà automaticamente indirizzato alla sezione di «Riepilogo», in cui potrà visualizzare, in particolare, i requisiti e/o le caratteristiche necessarie richiesti per l’abilitazione. Il riepilogo è articolato in ulteriori sezioni di dettaglio che riportano:

  • la documentazione di gara;
  • i documenti richiesti ai partecipanti ai fini dell’abilitazione;
  • le schede tecniche con l’indicazione dei prodotti e servizi previsti nel Bando.

Dal momento in cui è stata avviata la procedura, questa sarà salvata automaticamente nelle «Bozze in composizione» fino all’invio definitivo.

I passaggi per l’abilitazione al MePA

Sono sette i passaggi da seguire per completare la procedura di abilitazione al MePA. Nel dettaglio, e in quest’ordine che verrà indicato dalla piattaforma:

  • forma di partecipazione: bisogna indicare il modo in cui si intende richiedere l’ammissione al Mercato elettronico della Pubblica amministrazione;
  • scelta Categorie, aree di consegna e inserimento a catalogo: vanno scelte la categoria merceologica d’interesse, le aree di consegna dei prodotti/servizi e le aree merceologiche di interesse e va anche inserito il catalogo;
  • gestione utenti: consente di gestire gli utenti che possono prendere parte alla procedura di ammissione e definire le relative autorizzazioni;
  • dati dell’azienda e dichiarazioni necessarie: devono essere fornite le informazioni relative all’operatore economico e rilasciare le dichiarazioni richieste;
  • amministrazioni dell’impresa e assetti societari: saranno indicate le informazioni relative al legale rappresentante, agli amministratori e alle quote societarie dell’operatore economico;
  • documento di partecipazione ed eventuali allegati: qui vanno allegati i documenti da inviare a Consip;
  • conferma e invio: viene mostrato un riepilogo dei dati per poi procedere all’invio della domanda.

Consip potrebbe richiedere ulteriori informazioni rispetto a quelle inserite nella procedura di abilitazione. In tal caso, l’azienda riceve una comunicazione di riassegnazione della domanda, che verrà trovata nel menu «Bozze di composizione» affinché possa essere rilavorata. Una volta eseguita la modifica, è possibile concludere la procedura inviando nuovamente la domanda e attendendo l’esito della valutazione da parte di Consip.

Come sapere se l’azienda è stata abilitata al MePA?

Quando Consip approva la richiesta di abilitazione al MePA, l’azienda riceve l‘apposita comunicazione. A quel punto, sarà necessario procedere alla firma del catalogo – se previsto – seguendo la seguente procedura.

Si accede alla sezione «Abilitazioni e Gare» e si segue il percorso «Abilitazione al MePA / Bandi a cui hai partecipato / seleziona il Bando di interesse / clicca su Gestione iniziativa / clicca su PDF da firmare».

Bisognerà firmare ogni catalogo inviato per ciascuna categoria di abilitazione. Basterà cliccare sul nome del file per effettuare il download del documento e, all’apertura della finestra, cliccare su «SALVA» per scaricarlo sul proprio dispositivo (computer, tablet, smartphone).

Prima di continuare sarà necessario mettere sul file la firma digitale senza modificarne il nome e successivamente ricaricare il documento nella piattaforma.

Le dichiarazioni rese in fase di abilitazione dovranno essere rinnovate entro 12 mesi.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube