Diritto e Fisco | Articoli

Per costituire un condominio è necessario andare dal notaio?

30 Novembre 2014
Per costituire un condominio è necessario andare dal notaio?

Aspetti pratici della vita condominiale: la nascita della comunione.

Il condominio si costituisce senza bisogno di apposite manifestazioni di volontà o altre esternazioni, e tanto meno di approvazioni da parte dell’assemblea dei condomini qualora l’unico proprietario di un edificio (per esempio, il costruttore) lo frazioni in più porzioni autonome, trasferendone la proprietà esclusiva a una pluralità di soggetti (o anche solo al primo di essi), oppure quando più soggetti costruiscano su un suolo comune, oppure, ancora, quando l’unico proprietario di un edificio ne ceda a terzi piani o porzioni di piano in proprietà esclusiva, realizzando l’oggettiva condizione del frazionamento che a esso dà origine [1].

Qual è l’atto che fa nascere concretamente un condominio?

Il condominio nasce con il frazionamento della proprietà di un edificio già appartenente a un proprietario unico. In virtù di negozi giuridici atti a trasformare una situazione di proprietà esclusiva in una situazione di proprietà plurima divisa, relativamente ai piani o porzione di piano [2]. Il presupposto per la nascita del condominio, è l’esistenza di negozi giuridici che sanciscano il frazionamento della proprietà di un edificio di proprietà singola in proprietà plurime, relative ai piani o porzioni di piano.

Per far nascere un condominio è necessario avere un atto costitutivo ed un regolamento?

Per la nascita del condominio non è necessario né l’atto di costituzione, né la formazione del regolamento condominiale, né l’approvazione delle tabelle. Con il frazionamento della proprietà di un edificio a seguito del trasferimento della proprietà di ciascuna singola unità immobiliare a soggetti diversi, si determina oggettivamente una situazione di condominio.


note

[1] Cass. sent. n. 17332 del 17.08.2011.

[2] Cass. sent. n. 3787 del 22.06.1982.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube