Diritto e Fisco | Articoli

Se la tua PEC è usata dal commercialista e questi non la apre

1 Dicembre 2014
Se la tua PEC è usata dal commercialista e questi non la apre

Scatta la sanzione per il contribuente se si rivolge a un professionista non pratico di computer e internet.

La legge non ammette ignoranza. E, al giorno d’oggi, neanche “ignoranza informatica”. Per cui, se hai lasciato la tua posta elettronica certificata al tuo commercialista e questi non la apre mai o non è in grado di utilizzarla e di leggere le email che ti arrivano, la responsabilità è tua e di nessun altro. Stesso discorso deve farsi per l’invio telematico della annuale dichiarazione dei redditi: eventuali problemi tecnici o anomalie nel pc del professionista che ne impediscano la trasmissione non salvano il cliente dalle sanzioni fiscali.

Lo ha detto la Commissione Tributaria Regionale di Milano con una recente sentenza [1].

Non costituisce una “causa di non punibilità”, per il contribuente, le scarse competenze informatiche del professionista che non riesce a effettuare l’invio telematico della dichiarazione. Così, se così stanno le cose, il cliente resta tenuto ugualmente a versare i tributi e a pagare la sanzione irrogata dal fisco.

Secondo i giudici tributari non può qualificarsi causa di giustificazione l’insufficienza delle competenze informatiche del professionista e/o le difficoltà tecniche legate all’adempimento dell’invio telematico delle dichiarazioni, in quanto l’abilitazione viene concessa dall’Agenzia delle entrate solo previa espressa richiesta del professionista, il quale è tenuto alla assunzione della responsabilità dell’invio telematico.

A questo punto, pur non avendo il contribuente di certo le capacità per sostituirsi al proprio commercialista nell’invio, ben farebbe, quanto meno, a chiedere contezza, in prossimità di ogni scadenza fiscale, dell’adempimento dei relativi obblighi. Poiché, se anche nei confronti del fisco è sempre e solo responsabile il contribuente, quest’ultimo potrebbe a sua volta rivalersi nei confronti del consulente. Meglio se assicurato.


note

[1] CTR Milano, sent. n. 5512/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube