Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Si può revocare la rinuncia all’eredità?

7 Ottobre 2022 | Autore:
Si può revocare la rinuncia all’eredità?

Come annullare la precedente rinuncia; fino a quando si è in tempo per cambiare la propria scelta; cosa succede se nel frattempo qualcun altro è subentrato.

L’accettazione dell’eredità è una scelta definitiva, che non ammette ripensamenti: nemmeno quando, in seguito, ci si accorge che il patrimonio ricevuto è gravato da pesanti debiti e perciò non è affatto conveniente. Invece chi ha rinunciato all’eredità può ancora ripensarci, e, in un momento successivo, decidere finalmente di accettare.

Quindi si può revocare la rinuncia all’eredità, ma bisogna farlo entro certi termini e rispettando alcune condizioni: non si tratta di una facoltà esercitabile a piacimento, perché bisogna considerare anche gli interessi degli altri chiamati all’eredità e dei creditori del defunto.

Rinuncia all’eredità: cos’è e a cosa serve

Mentre chi accetta l’eredità decide di subentrare nella quota ad egli spettante del patrimonio del defunto, che comprende sia i rapporti attivi sia quelli passivi (cioè i debiti), chi rinuncia all’eredità “si chiama fuori” da tali vicende, e di solito lo fa proprio al fine di non essere considerato erede, in modo da non dover rispondere, con il proprio patrimonio personale, degli eventuali debiti lasciati dal de cuius.

Quindi nessun creditore, pubblico o privato, della persona defunta potrà bussare alla porta di chi ha rinunciato all’eredità per pretendere pagamenti. Ovviamente, così facendo il rinunciante non subentra neanche nella parte attiva del patrimonio di chi è deceduto, e perciò non potrà vantare alcun diritto sui beni ereditari.

Rinuncia all’eredità: come si fa

La rinuncia all’eredità deve essere esplicita (a differenza dell’accettazione, che potrebbe anche avvenire in modo tacito, disponendo direttamente dei beni ereditari di cui si è entrati in possesso). Tecnicamente, la rinuncia all’eredità consiste in una espressa e formale dichiarazione di non voler accettare di ricevere in eredità il patrimonio lasciato dal defunto, o la quota di esso spettante.

Questa dichiarazione di rinuncia all’eredità, per produrre gli effetti giuridici che abbiamo descritto, deve essere ricevuta da un notaio, oppure dal cancelliere del tribunale del luogo in cui si è aperta la successione. Il pubblico ufficiale che ha ricevuto la dichiarazione di rinuncia la inserisce nel registro delle successioni, in modo che l’atto sia consultabile da chiunque ne abbia interesse.

Rinuncia all’eredità: condizioni

La rinuncia all’eredità per avere validità ed efficacia, deve essere piena ed integrale, in modo da comprendere tutti i beni ereditari, o l’intera quota di spettanza sugli stessi, e non può essere limitata solo ad alcuni o ad una loro parte (ad esempio: rinuncio alla casa, perché è fatiscente, ma voglio comunque il box di pertinenza). Inoltre non deve contenere termini di efficacia o condizioni dipendenti dal comportamento altrui (ad esempio: rinuncio solo se mio fratello fa altrettanto).

La rinuncia all’eredità deve essere anche totalmente gratuita, altrimenti, se viene fatta verso un corrispettivo (come una somma ricevuta dagli altri coeredi in cambio del rilascio della dichiarazione) ottiene l’effetto contrario, e comporta per legge [1] l’accettazione dell’eredità.

Rinuncia all’eredità: termini

L’art. 480 del Codice civile stabilisce che il diritto di accettare l’eredità si prescrive in 10 anni; anche la rinuncia all’eredità soggiace al medesimo termine. Solo nella particolare ipotesi di accertamento giudiziale dello stato di figlio della persona defunta, il termine decennale entro cui inizia a decorrere non dalla sua data di morte, bensì dalla data di passaggio in giudicato della sentenza che dichiara la paternità.

Se il rinunciante era già entrato in possesso dei beni ereditari – è la situazione tipica di chi conviveva con il defunto, o disponeva delle sue proprietà – i termini per accettare o per rinunciare all’eredità sono molto più ristretti: bisogna fare l’inventario dei beni entro tre mesi dalla data di apertura della successione e decidere l’eventuale rinuncia entro i successivi 40 giorni, altrimenti – come prevede l’ art. 485 del Codice civile – il chiamato all’eredità che non ha ancora rinunciato espressamente si considera «erede puro e semplice».

Chi, invece, ha sottratto, o nascosto, i beni ereditari decade automaticamente dal diritto di rinunciare o dall’eventuale rinuncia all’eredità già fatta, che perciò non ha alcun valore: l’art. 527 del Codice civile considera questi soggetti come «eredi puri e semplici, nonostante la loro rinunzia».

Revoca della rinuncia all’eredità:  quando è ammessa

La revoca della rinuncia all’eredità è disciplinata dall’articolo 525 del Codice civile in questo modo: «Fino a che il diritto di accettare l’eredità non è prescritto contro i chiamati che vi hanno rinunziato, questi possono sempre accettarla, se non è già stata acquistata da altro dei chiamati, senza pregiudizio delle ragioni acquistate da terzi sopra i beni dell’eredità».

Questo significa, in termini pratici, che la revoca della rinuncia all’eredità è possibile finché non sono trascorsi 10 anni dalla data di apertura della successione, a meno che la quota ereditaria del rinunciante non sia stata già acquisita, nel frattempo, mediante accettazione (espressa o tacita), compiuta da un altro chiamato all’eredità, come un figlio del rinunciante.

Alcune situazioni, però, potrebbero rivelarsi complesse: ad esempio, una recente sentenza della Cassazione [2] ha ritenuto ammissibile la revoca della rinuncia all’eredità effettuata dal padre prima che scadesse il termine assegnato dal giudice al figlio chiamato “per rappresentazione“, ossia al posto del suo genitore. La Suprema Corte ha ritenuto che «il chiamato all’eredità che vi abbia inizialmente rinunciato può successivamente accettarla in forza dell’originaria delazione e sempre che questa non sia venuta meno in conseguenza dell’acquisto compiuto da altro chiamato» all’eredità.

Revoca di rinuncia all’eredità: come si fa

Mentre la rinuncia all’eredità deve essere espressa e formale, la revoca della rinuncia potrebbe avvenire non solo con una “controdichiarazione” rilasciata al notaio o al cancelliere del tribunale, per annullare gli effetti del precedente atto, ma anche in modo tacito, ossia in modo analogo a quello che si compie con l’accettazione tacita dell’eredità: infatti è evidente che la revoca di una precedente rinuncia fatta comporta l’accettazione piena (e tale scelta, come abbiamo visto, è irrevocabile: quindi, una volta revocata la rinuncia, non si potrà più revocare tale revoca, nel tentativo di rinunciare all’eredità).

Tuttavia, per prevenire eventuali contestazioni degli altri coeredi, è sempre preferibile fare la revoca di rinuncia all’eredità in modo esplicito, quindi recandosi dal notaio o dal cancelliere per formalizzare tale decisione; anche perché esiste un orientamento della giurisprudenza che non ritiene valida la revoca tacita di una precedente rinuncia, e perciò potrebbero sorgere conflitti giudiziari.


note

[1] Art. 478 Cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 29146 del 06.10.2022.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube