Nuovo concorso in magistratura per giudici ordinari: 340 posti

2 Dicembre 2014
Nuovo concorso in magistratura per giudici ordinari: 340 posti

Concorsone pubblicato sul sito del Ministero della Giustizia per il reclutamento di 340 toghe.

Ieri il Ministero della Giustizia ha pubblicato, sul proprio sito, un avviso in cui ricorda che, fino al 22 dicembre, sarà aperto un concorso per 340 posti di magistrato ordinario.

Tutta la procedura di candidatura potrà avvenire solo in via telematica.

Per partecipare al bando per magistrati ordinari i candidati dovranno effettuare la procedura di compilazione e l’invio della domanda di partecipazione esclusivamente per mezzo telematico.

La procedura

Innanzitutto il candidato dovrà registrarsi sul sito del Ministero, inserendo le credenziali di autenticazione richieste dal bando (codice fiscale, posta elettronica nominativa, password).

Chi si sia già registrato per il concorso precedente (di 365 posti) potrà accedere direttamente alla procedura, senza doversi quindi registrare nuovamente.

In seguito, i candidati dovranno compilare ed inviare il form di domanda (reperibile a questo indirizzo https://concorsi.giustizia.it/concorsomagistratura/).

Dopo la compilazione, il candidato riceverà dal sistema la notifica di un file contenente la domanda di partecipazione. Quest’ultima andrà salvata, stampata, firmata, scansionata in formato PDF unitamente a copia del documento di riconoscimento ed inviata, attraverso upload/caricamento sul sito del file. In mancanza di invio la domanda non potrà essere accolta, così come tutte le domande redatte o trasmesse con modalità differenti non saranno considerate ricevibili.

Possono partecipare al concorso solo ed esclusivamente coloro i quali siano in possesso dei requisiti previsti dal decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 160 e dal comma 11 bis dell’art. 73 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, nel testo vigente.

Infine, per poter partecipare alla selezione, è necessario essere in regola con il pagamento del diritto di segreteria, che corrisponde a 50 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube