Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

L’identikit del futuro leader del Partito Democratico

7 Ottobre 2022 | Autore:
L’identikit del futuro leader del Partito Democratico

Adesso, è caccia al prossimo segretario del Pd: ecco le caratteristiche che, secondo i sondaggisti, dovrebbe avere il prossimo leader.

All’indomani della direzione nazionale del Partito Democratico, che dopo il brutto risultato delle elezioni sta cercando di darsi una nuova direzione, ora l’obiettivo è capire chi sarà il prossimo Segretario del Partito, che dopo il Congresso prenderà il posto di Enrico Letta. I primi a lanciarsi nell’identikit del prossimo leader dem sono i sondaggisti.

«Giovane, possibilmente donna, con forte leadership e che scelga una linea». Questo l’identikit all’Adnkronos del prossimo leader del Pd nell’opinione di Renato Mannheimer, sondaggista, che senza sconti rilancia: «Per la verità più che l’identikit del segretario si dovrebbe tracciare quello del partito. Il Pd è un insieme confuso di diverse linee politiche e capi corrente che spesso pensano al loro potere personale. Deve scegliere una linea che non può essere contemporaneamente quella di guardare verso sinistra e il centro liberale».

«Questa confusione – prosegue – crea insoddisfazione in tutti gli elettori, che infatti si allontanano. Una quota, come abbiamo visto, è già andata a Calenda ed un’altra ai 5s. Se il Partito democratico non chiarisce bene il suo programma sociale – conclude Mannheimer – rischia di finire come il partito socialista francese, quindi di diventare irrilevante».

Un po’ più complessa l’opinione del sondaggista Nicola Piepoli, che all’Adnkronos ha affermato: «Il prossimo leader del Pd deve essere un trascinatore con una grande esperienza e cultura tipo Prodi, cioè una persona capace di catturare l’attenzione e veicolare messaggi spontaneamente semplici; un Andreotti, cioè un uomo di Stato rassicurante indipendentemente dall’area di appartenenza, responsabile verso il suo Paese e verso i suoi collaboratori; o una donna di Stato come Giorgia Meloni, che rappresenta abbastanza il mio ideale di come essere premier tacendo e comunicando al momento opportuno per dare risultati e fare vedere evidenze».

«Governare un paese non è semplice e neanche difficile – prosegue – Ma ci vogliono dei maestri che insegnino a farlo. L’essere a servizio dello Stato non si inventa, si crea attraverso la formazione e i maestri. Quindi se il leader del Pd deve essere uno che ambisce a diventare il responsabile dello Stato deve prepararsi. In Francia c’è l’École nationale d’administration (Ena), scuola di alti studi politici. Lì hanno studiato gli ultimi 5 presidenti, il loro valore viene dall’aver fatto la stessa scuola. Creiamola anche in Italia».



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube