Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Il Tribunale online è ora realtà

12 Ottobre 2022 | Autore:
Il Tribunale online è ora realtà

È stata avviata un’iniziativa che consentirà al cittadino il deposito telematico della domanda e la gestione dell’intero procedimento in autonomia.

Chi ha a che fare con la giustizia italiana lo sa: i tempi sono biblici, le procedure macchinose e complesse, la burocrazia malfunzionante e lenta. Uno scenario post seconda guerra mondiale che spesso richiede tempistiche imbarazzanti e irrispettose, che vanno ad inficiare anche sugli stessi procedimenti. Domande smarrite, appuntamenti rimandati, liste d’attesa. Fortunatamente, ancora una volta, il Pnrr viene in soccorso dei contribuenti e interviene in un’ottica di innovazione e snellimento, per la creazione di Tribunali più smart, per una giustizia più vicina ai bisogni dei cittadini.

In linea con il Pnrr e con la necessità di incrementare la digitalizzazione degli uffici giudiziari, prende forma il progetto pilota del Tribunale Online in quattro Uffici Giudiziari (Catania, Catanzaro, Marsala e Napoli nord), come comunicato questa mattina in una nota dal ministero della Giustizia.

L’iniziativa, avviata dal Dipartimento per la transizione digitale della giustizia, l’analisi statistica e le politiche di coesione – Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati, rientra tra le linee di sviluppo emerse nell’ambito dei lavori della Commissione Interministeriale per il Sud e consentirà al cittadino il deposito telematico della domanda e la gestione dell’intero procedimento in autonomia, attraverso una piattaforma dedicata, collegato ai portali Giustizia e raggiungibile all’indirizzo smart.giustizia.it.

Sviluppata secondo criteri di accessibilità e centralità dell’utente, la piattaforma sarà fruibile da qualsiasi dispositivo – computer, tablet, smartphone – con una semplice connessione Internet e caratterizzata da un’interfaccia grafica intuitiva per facilitare la ricerca di informazioni e la gestione dei procedimenti. A partire dal servizio di «Amministrazione di sostegno» nell’ambito della «Volontaria Giurisdizione», la piattaforma verrà gradualmente ampliata per rendere disponibili nuove funzionalità e servizi, anche ad altre tipologie di utenza (come per esempio gli avvocati).

La piattaforma prevede un’area pubblica informativa, accessibile a tutti e contenente informazioni su iter procedurali, attori coinvolti, tempi e costi dei servizi offerti, domande frequenti, istruzioni sul deposito presso i tribunali, possibilità di scaricare la modulistica necessaria alla fruizione dei servizi.

Inoltre, tramite le proprie credenziali Spid, l’utente potrà accedere a un’area riservata, che sarà resa accessibile in una fase successiva e comprenderà le istruzioni sull’utilizzo dei servizi, una procedura guidata per la presentazione delle domande online, il monitoraggio dell’avanzamento dei procedimenti e la gestione di eventuali attività legate al procedimento specifico (es. rendiconti e relazioni dell’amministratore di sostegno). A conclusione della sperimentazione, l’iniziativa Tribunale Online potrà essere progressivamente estesa a tutti i tribunali italiani.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube