HOME Articoli

Lo sai che? Se bussa il rappresentante Folletto o Bimby: le tutele per il consumatore

Lo sai che? Pubblicato il 3 dicembre 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 dicembre 2014

Garanzie previste dalla legge per le vendite porta a porta.

Quante volte ti è capitato di sentire citofonare da uno dei venditori di Folletto, Bimby, Tupperware o altre aziende del settore delle vendite dirette?

In tempi di crisi questo tipo di società incrementano le assunzioni di venditori: ecco perché le proposte commerciali dei cosiddetti “porta a porta” sono in costante aumento.

Per le cosiddette vendite fuori dai locali commerciali (tra cui quelle, appunto, porta a porta, ma anche via web o tramite operatori telefonici in televisione) il consumatore gode di particolari tutele. Tali vendite, infatti, vengono considerate dalla legge a maggior rischio per l’acquirente, preso alla sprovvista, senza il tempo di farsi un’idea sul prodotto a lui proposto.

Diritto di ripensarci

Innanzitutto, sulle vendite fuori dai locali commerciali, al consumatore spetta sempre il diritto di recesso (da alcuni chiamato “diritto al ripensamento”) ossia di restituire la

merce anche senza bisogno di giustificare tale scelta ed anche se la confezione è stata già aperta. L’acquirente deve comunicare la volontà di recedere dal contratto entro 14 giorni: in tal caso ha diritto di essere rimborsato.

Il diritto di recesso si applica solo se l’importo da pagare è superiore a 50 euro: se si stipulano più contratti tra le medesime parti, il calcolo si fa sul totale.

Diritto ad essere informati su carta

Prima di concludere un contratto di vendita fuori dai locali commerciali il consumatore deve ricevere tutte le informazioni fondamentali su un foglio di carta; solo se il consumatore è d’accordo potranno essere a lui consegnate su altro mezzo durevole (cd, dvd e simili).

Le informazioni obbligatorie riguardano, tra l’altro: le caratteristiche principali del prodotto o del servizio, e il suo costo complessivo; la durata del contratto e le modalità di pagamento; la garanzia legale commerciale; l’identità del professionista o l’indirizzo a cui inoltrare eventuali reclami; tutte le informazioni sul recesso.

Per prodotti con consegna a domicilio, in caso di recesso toccherà al professionista ritirarli a sue spese, se non c’è modo di inviarli per posta.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI