HOME Articoli

News Equitalia cancella i debiti per cartelle inferiori a 300 euro. Evasori seriali salvi

News Pubblicato il 8 dicembre 2014

Articolo di




> News Pubblicato il 8 dicembre 2014

Sanatoria “di fatto” sulla riscossione: non ci saranno più controlli per i piccoli debiti.

Equitalia “cancella” il debito a chi ha ricevuto vecchie cartelle non superiori a 300 euro di importo. Non verrà considerata la sommatoria delle cartelle ricevute, ma il singolo importo. Per esempio, se Mario Rossi ha ricevuto 10 cartelle da 299 euro l’una, rientrerà nella nuova “sanatoria”.

Se l’importo sembra basso, si pensi che esso rappresenta circa il 70% delle posizioni ancora aperte nella riscossione locale.

La previsione è stata appena approvata dalla Camera, con un emendamento alla legge di Stabilità, che andrà così a integrare il nuovo “piano di gestione” degli arretrati dell’Agente di riscossione. Non era tuttavia presente nelle prime versioni del provvedimento e finora è passato sotto silenzio.

Di cosa si tratta?

Come noto, Equitalia è chiamata a riscuotere i crediti per conto dell’Erario e di altri enti come l’Inps, i Comuni, ecc.

Ogni tre anni, pertanto, l’Agente per la riscossione dovrebbe inviare all’ente creditore un report con l’indicazione delle partite che non è riuscito a riscuotere per vari motivi: quelle cioè inesigibili (per esempio, nel caso di debitore privo di beni da pignorare, ecc.).

A questo punto, l’ente creditore verifica che Equitalia abbia effettivamente fatto il possibile per il recupero delle somme in questione. Se così è, il primo cancella l’entrata dal bilancio e la porta a “perdita”.

Tale controllo triennale, tuttavia, non è mai partito effettivamente. Così, a seguito delle continue proroghe, sono state rinviate talmente tante verifiche di cartelle inesigibili da aver accumulato, in tutti questi anni, una ciclopica mole di arretrato da smaltire. Si parla di centinaia di milioni di cartelle esattoriali per 545 miliardi di euro di valore in attesa di essere definitivamente “discaricate” e portate a perdita.

Il prossimo rinvio scade il 31 dicembre 2014. Cosa succederà in tale data? A partire dal 1° gennaio 2015, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, dell’Inps, ecc. saranno inondati da così tante cartelle inesigibili da sottoporre a verifica da mandare in tilt la loro organizzazione, con paralisi delle altre attività.

Ecco perché si è deciso di gestire prima i controlli sulle cartelle più recenti (almeno quelle con qualche possibilità di recupero), per rinviare al futuro (chissà quando) quelle vecchie. La Camera ha infatti approvato il nuovo calendario di controlli (si attende ora il via libera del Senato) secondo cui: entro il 2017 Equitalia dovrebbe trasmettere a Erario, Inps ed enti territoriali i ruoli nati nel 2014, e poi si andrebbe a ritroso, verificando gli anni precedenti. Così, per esempio, nel 2018 si verificheranno i crediti del 2013, nel 2019 quelli del 2012, e così via. Addirittura, gli arretrati del 2000 saranno verificati nel lontanissimo 2031.

Ed ecco giustificata la nuova norma [1] che, per dare maggiore respiro a tale attività in nome dell’economicità dell’azione amministrativa, prevede che detti controlli si limitino solo ai crediti superiori a 300,00 euro. Per gli altri, quindi, si avrà una sorta di sanatoria di fatto.

Molte di queste riscossioni sono già su un binario morto. Ma, in questo modo, si darà ufficialità all’abbandono delle procedure di riscossione con una soglia uguale per tutti. E, scritta così, la norma rischia di dare una mano alle migliaia di evasori seriali di multe e tributi comunali, che avevano accumulato decine di cartelle: ciascuna, però, sotto i 300 euro.

note

[1] Art. 2, comma 52 della Legge di stabilità.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

11 Commenti

  1. Salve,io ho preso una multa di 300 euro ma avevo versato un acconto di 50. Siamo nullatenenti , ci si azzera?

  2. Salve. Ho letto il Vs. articolo e aderito alla ricezione di aggiornamenti riferiti all’argomento. Volevo porvi una domanda, forse stupida, l’importo dei 300 € deve essere quello iniziale o quello comprensivo delle sanzioni ed altre spese ?.
    Grazie e Buon Lavoro

  3. E’ molto utile essere aggiornato su questo in quanto siamo terrorizzati e psicologicamente perseguitati fino alla non possibilita’ di sopravvivere. Menomale che ci siete voi ad aggiornarci,ma quello che preoccupa ancora maggiormente il regolamento dell’assegno sul divorzio.Un regolamento a senso unico e senza fondamento con discrasie e contraddizioni della legge stessa.Come vorrei un aiuto in merito.Vi ringrazio assai.

  4. Salve, vorrei sapere se sono interessate le tasse automobilistiche, e quale importò si considera.

  5. Salve, vorrei sapere come fare per venire a conoscenza delle mie cartelle esattoriali tramite internet e quali sono che rientrano nella sanatoria. Grazie

  6. SALVE IO NEL 2000 AVEVO APERTO UNA PARTITA IVA SENZA MAI AVERLA USATA,DOPO ANNI MI SONO ARRIVATE LE CARTELLE DI EQUITALIA SULLE TASSE DELLA CAMERA DI COMMERCIO.OGNI CARTELLA DA 215 EURO + MORE E VARIE ,LA CAMERA DI COMMERCIO HA CHIUSO IN AUTOMATICO LA PARTITA IVA NEL 2010, IO RIENTRO NELLA SANATORIA? GRAZIE ……..

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI