Questo sito contribuisce alla audience di
Politica | News

Dopo la pace ritrovata Berlusconi rilancia coi capigruppo

18 Ottobre 2022 | Autore:
Dopo la pace ritrovata Berlusconi rilancia coi capigruppo

Alessandro Cattaneo alla Camera dei deputati e la senatrice Licia Ronzulli al Senato: questi saranno i nomi dei capigruppo annunciati di Berlusconi.

È difficile credere ad un’autentica tregua, guardando il sorriso tirato di Silvio Berlusconi nella foto postata dopo l’incontro di ieri con Giorgia Meloni, il faccia a faccia necessario per chiarire gli evidenti screzi tra i due. Alla fine per la sua fedelissima, Licia Ronzulli, il leader azzurro non è riuscito ad accaparrarsi neppure un Ministero, ma questa mattina ha rilanciato con le nomine dei capigruppo.

Dopo la riunione del ‘disgelo’ con Giorgia Meloni in via della Scrofa, avvenuto nel pomeriggio di ieri, dove Silvio Berlusconi sembra abbia spuntato 5 ministri (sicuri sarebbero Antonio Tajani, Gilberto Pichetto Fratin, Elisabetta Alberti Casellati e Annamaria Bernini, mentre vengono indicati come papabili Alessandro Cattaneo o Francesco Sisto), oggi il leader azzurro ha fatto la sua mossa annunciando i capigruppo alle Camere.

«Per dare ancora più forza ai nostri Gruppi, valorizzando le capacità e le risorse che abbiamo, la mia indicazione come nuovi capigruppo è per l’onorevole Alessandro Cattaneo alla Camera dei deputati e per la senatrice Licia Ronzulli al Senato» ha scritto Silvio Berlusconi in una lettera ai deputati e ai senatori di Forza Italia. Alla fine, Ronzulli una posizione l’ha trovata, anche se ben lontana dalla presidenza di una delle Camere o da un ministero.

Hanno parlato anche di questi ieri Berlusconi e Meloni, stringendo quello che per qualcuno è già ribattezzato il «patto della Scrofa» che sancisce il disgelo tra i due dopo lo scontro sul caso Ronzulli e lo strappo di Fi sull’elezione di Ignazio La Russa alla presidenza del Senato. Alle 16,40 circa, il Cav ha varcato il portone di via della Scrofa, storica sede di An prima e poi di Fdi, per un faccia a faccia vero, senza intrusi.

L’immagine plastica del leader azzurro, che arriva in auto blu, con chi è rimasto della scorta dei tempi d’oro, quando era premier, dribblando la ressa di tv e stampa accalcata fuori, insieme alla foto ufficiale dei due leader, postata sui social, con il sorriso tirato di lui e quello disteso di lei, valgono più di ogni ricostruzione. «Silvio non è venuto a Canossa ma solo per scusarsi di quanto accaduto, specialmente sull’elezione di La Russa e per dire che bisogna andare avanti insieme….», è il commento dell’ex ‘responsabile’ Antonio Razzi. Spuntato tra la folla di curiosi, ma ai più l’ex premier è sembrato non proprio contento di trovarsi in «casa Meloni», costretto per realpolitik a venire a Canossa appunto per riprendere la trattativa sul futuro Governo e spuntare nomi graditi, soprattutto alla Giustizia e al Mise.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube