Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Le modalità di notifica se il destinatario è assente

29 Ottobre 2022
Le modalità di notifica se il destinatario è assente

Se il destinatario è assente, il postino che deve notificare una cartella di pagamento che tempi ha per depositare il piego e affiggere l’avviso?

Occorre innanzitutto dire che in base alla legge (articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica n. 602 del 1973) la notificazione della cartella di pagamento può avvenire:

  • o per mezzo di ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati dal concessionario, oppure da messi comunali o da agenti della polizia municipale (previa eventuale convenzione tra Comune e concessionario);
  • oppure attraverso il servizio postale mediante spedizione di raccomandata con avviso di ricevimento.

Nel primo caso, cioè nell’ipotesi in cui la cartella sia notificata direttamente dall’ufficiale della riscossione (o da altri soggetti abilitati o da messi comunali o da agenti di polizia municipale), la norma stessa (cioè l’articolo 26 1° comma, del d.p.r. n. 602 del 1973) stabilisce che quando occorre compiere, per il perfezionamento della notifica, più formalità (come è nel caso della temporanea assenza del destinatario che impone il deposito della copia dell’atto nella casa comunale, l’affissione dell’avviso di deposito e l’invio di raccomandata per darne avviso al destinatario) le stesse possono essere compiute, in un periodo di tempo non superiore a trenta giorni, anche da soggetti diversi da quelli sopra indicati.

Pertanto, quando la cartella viene notificata direttamente dall’ufficiale della riscossione (o da altri soggetti abilitati o da messi comunali o da agenti di polizia municipale) il deposito, l’affissione e l’invio della raccomandata possono essere compiuti entro e non oltre trenta giorni dalla data in cui è stato effettuato il primo tentativo di notifica direttamente nelle mani del destinatario.

Nel secondo caso, invece, cioè quando la cartella di pagamento viene notificata avvalendosi del servizio postale (sempre secondo quanto consente l’articolo 26 del d.p.r. n. 602 del 1973), la legge (cioè l’articolo 8 della legge n. 890 del 1982) consente all’agente postale, nel caso di temporanea assenza del destinatario o di mancanza, inidoneità o assenza delle persone abilitate a ricevere il piego in luogo del destinatario, di provvedere al deposito del piego presso il punto di deposito più vicino al destinatario entro due giorni lavorativi dal giorno del tentativo di notifica.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube