Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Bollette: il vademecum dei diritti degli utenti

20 Ottobre 2022 | Autore:
Bollette: il vademecum dei diritti degli utenti

Ecco una serie di indicazioni da seguire per i consumatori in difficoltà che si imbattono in modifiche unilaterali dei contratti di fornitura.

Risparmiare energia riducendo i consumi può essere una buona mossa per ridurre un po’ il costo delle bollette, che come sappiano avranno cifre a più zeri non appena accenderemo il riscaldamento, ma non sempre basta, anzi. Il consumatore parsimonioso può comunque essere ingannato o dimenticarsi delle possibilità che gli sono messe a disposizione, mentre il consumatore informato sa quando poter far valere i propri diritti.

Ma come «difendersi» dalle bollette e come provare a risparmiare riducendo i consumi? Arriva il nuovo vademecum del Codacons con una serie di consigli e indicazioni per i consumatori in difficoltà con i pagamenti o che incappano in modifiche unilaterali dei contratti di fornitura.

1) Utilizzare il modulo messo a disposizione sul sito del Codacons, da inviare alla propria società di fornitura di gas e luce, in cui si comunica formalmente di essere costretti a sospendere il pagamento integrale della bolletta, provvedendo al pagamento della fattura in modo parziale, versando cioè un acconto pari al 20% della bolletta, in quanto impossibilitati a sostenere l’importo maggiorato delle utenze. Ciò in base all’art. 1256 c.c. secondo cui “L’obbligazione si estingue quando, per una causa non imputabile al debitore, la prestazione diventa impossibile. Se l’impossibilità è solo temporanea, il debitore finché essa perdura, non è responsabile del ritardo nell’adempimento”.

2) Verificare la correttezza dei consumi fatturati in bolletta e la presenza di possibili conguagli, e provvedere ad una autolettura del contatore luce e gas al fine di ricevere fatture legate agli effettivi consumi. In caso di anomalie e dubbi è sempre possibile contattare il proprio fornitore. Se la bolletta risulta errata, è possibile contestarla inviando reclamo scritto alla società che fornisce il servizio e richiedere l’emissione di una nuova bolletta corretta.

3) Verificare se sussistano i requisiti per richiedere i bonus sociali sull’energia istituiti dal Governo, consultando l’apposita pagina sul sito di Arera (https://www.arera.it/it/bonus_sociale.htm)

4) Ricorrere alla rateizzazione delle bollette, strumento previsto e regolato da Arera per aiutare le famiglie che non riescono a pagare in unica soluzione le fatture di luce e gas. Sul fronte della rateizzazione, alcune società di luce e gas hanno siglato accordi con le associazioni dei consumatori per offrire ai propri clienti condizioni più vantaggiose. E’ utile quindi reperire informazioni sul sito del proprio fornitore e contattare i relativi call center per verificare le opzioni a nostra disposizione.

5) Verificare sull’apposito comparatore di Arera le offerte presenti sul mercato per accertare se esistano proposte più convenienti rispetto alle condizioni del contratto.

6) Contattare il proprio fornitore per cercare di ottenere sconti sulle tariffe o condizioni migliori rispetto a quelle attuali.

7) In caso di modifiche unilaterali delle condizioni da parte del gestore, o di comunicazione di recesso dei contratti in violazione delle norme vigenti, presentare una segnalazione ad Arera e Antitrust e rivolgersi ad una associazione per inviare diffida al fornitore.

Consigli per ridurre i consumi

Ma, in vista della stagione invernale alle porte, oltre ai già noti consigli su come risparmiare in bolletta, è possibile mettete in pratica alcuni accorgimenti per ridurre ulteriormente i consumi di gas:

– In cucina scegliere prodotti alimentari che richiedono minori tempi di cottura, utilizzare sempre i coperchi su pentole e padelle in modo da mantenere il calore e ridurre i tempi e utilizzare tecniche di cotture alternative come quella al vapore

– Per ridurre i tempi di accensione degli impianti di riscaldamento, indossare in casa più strati di vestiti, doppi calzini e sciarpe per coprire il collo

– Quando si lavora al pc o si vede la tv sul divano, chiudere e isolare la stanza e ricorrere a coperte e borse dell’acqua calda a contatto col il corpo

– E’ possibile riscaldare singole stanze ricorrendo a fonti di riscaldamento alternative, come il bioetanolo; sul web è possibile acquistare camini o piccoli bruciatori a bioetanolo a prezzi sempre più bassi.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube