Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Udienze online, ora è possibile

25 Ottobre 2022 | Autore:
Udienze online, ora è possibile

Se le parti lo richiedono (o se sono d’accordo) sarà possibile effettuare l’udienza civile attraverso collegamenti audiovisivi a distanza.

Se la pandemia qualcosa ci ha insegnato è che è possibile rimanere in contatto anche se non ci si vede fisicamente, che si può lavorare comodamente anche da casa, e che non è impensabile utilizzare i nuovi strumenti di comunicazione per fare affari. Durante i lockdown, dopo un iniziale arresto, le Aule giudiziarie hanno ripreso a lavorare, le udienze si sono svolte da lontano e la macchina della giustizia, anche se più rallentata, ha continuato a lavorare. Un’innovazione tecnologica che è stata sostanzialmente rimessa nel cassetto non appena è stato possibile tornare a svolgere le attività di persona, apparentemente senza capire quanto fosse potenzialmente comodo e snello questo il nuovo strumento acquisito. Ora, a distanza di oltre due anni, la possibilità di fare udienze online entra ufficialmente a far parte del procedimento giuridico.

Grazie alla riforma della giustizia voluta dalla ex ministra Cartabia le udienze telematiche diventano così strumenti abituali del processo ordinario, venendo istituzionalizzate quattro importanti novità:

  • l’obbligatorietà del deposito degli atti introduttivi attraverso modalità telematiche negli uffici che dispongono di questo servizi;
  • la possibilità per il giudice di stabilire che l’udienza venga sostituita dal deposito telematico di note scritte contenenti le istanze e le conclusione (attuando in questo modo l’udienza cartolare): questa facoltà è plausibile solo nel caso in cui non sia prevista la presenza di soggetti differenti dai difensori delle parti in causa;
  • la possibilità che l’udienza civile sia tenuta attraverso collegamenti audiovisivi a distanza se una delle due parti lo richiede o su iniziativa del giudice su accordo di entrambi le parti;
  • la possibilità di sostituire il giuramento del consulente tecnico, che ora avviene durante l’udienza, con una dichiarazione sottoscritta dallo stesso in forma digitale e depositata nel fascicolo telematico.

Tutti strumenti che, naturalmente, hanno lo scopo di ridurre i tempi del processo velocizzando l’intero procedimento. Tutte queste modifiche, oltre ad andare a riscrivere il Codice di procedura civile, incidono anche sul Testo unico delle spese di giustizia [1] rendendo ufficiali, a partire dal 1° gennaio 2023, le modalità di pagamento delle spese di giustizia già sperimentate dall’inizio della pandemia.

In questo modo diventa obbligatorio il pagamento del contributo unificato di iscrizione a ruolo attraverso la piattaforma telematica della pubblica amministrazione, «PagoPa», a cui è possibile derogare solo nel caso in cui la stessa non funzioni. Stessa sorte per i pagamenti inerenti i diritti di copia e le spese relative alle notifiche a richiesta di parte.


note

[1] Dpr 115/2002


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube