Diritto e Fisco | Articoli

Doppi infissi: va rispettata l’estetica e il regolamento edilizio comunale

10 dicembre 2014


Doppi infissi: va rispettata l’estetica e il regolamento edilizio comunale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 dicembre 2014



L’installazione di doppie finestre non è manutenzione ordinaria se viola i regolamenti edilizi e l’estetica del condominio.

Prima di sostituire i vecchi serramenti o aggiungere le doppie finestre bisogna stare attenti a non violare né l’estetica del palazzo, né i regolamenti edilizi fissati dal Comune. Diversamente, si può essere costretti alla rimozione coattiva delle opere appena installate.

È questo l’orientamento del TAR Liguria, espresso in una recente sentenza [1].

Nel caso di specie il proprietario di un appartamento condominiale aveva fatto montare dei doppi infissi a protezione del proprio appartamento, ma la scelta dei materiali e del colore delle cromature derogava a quanto prescritto da dette norme e ledeva il decoro dello stabile, in quanto risultava in stridente contrasto con gli altri appartamenti del medesimo edificio.

Secondo i giudici amministrativi, interventi di tale tipo non possono essere considerati di ordinaria manutenzione. E, di certo, solo per l’ordinaria amministrazione non è necessaria né l’autorizzazione del Comune né quella dell’assemblea condominiale.

Quindi, prima di effettuare lavori in casa di tale tipo è sempre opportuno assicurarsi del rispetto di tutte le norme locali e del regolamento di condominio, consultando anche l’assemblea e facendo deliberare l’eventuale accettazione all’installazione. Infatti, se i colori o le forme delle doppie finestre stonano con quelle del condominio, ledendo così il decoro architettonico e, quindi, l’armonia dello stabile, il condominio può agire contro il proprietario per ottenere, da parte del giudice, l’ordine al ripristino dello stato antecedente ai lavori. Addirittura, secondo la Cassazione [2], in caso di alterazioni architettoniche, l’amministrazione potrebbe agire per la loro rimozioni anche senza la richiesta o la segnalazione dell’assemblea.

Quando la sostituzione o l’apposizione di nuovi serramenti non è una manutenzione ordinaria?

Se le scelte sono assolutamente contrastanti con quelle effettuate dagli altri condomini e con le norme regolamentari, tale deroga e la lesione dell’estetica del palazzo escludono che le opere rientrino nell’ordinaria manutenzione.

È questo l’aspetto più importante della sentenza in commento: gli interventi di ordinaria manutenzione non necessitano di alcuna autorizzazione da parte del condominio e/o del Comune.

note

[1] TAR Liguria sent. n. 1785/14 del 3.12.2014.

[2] Cass. sent. n. 26849/13.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI