Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Rave party: diventano illegali

31 Ottobre 2022
Rave party: diventano illegali

Linea dura contro i Rave party: un’apposita norma li renderà illegali. Sarà disposto anche il sequestro e la successiva confisca dell’apparecchiatura utilizzata. 

Come noto, l’altro giorno il nuovo ministro dell’Interno Piantedosi ha ordinato di sgomberare il rave party in corso da sabato notte in un capannone agricolo in disuso di Modena: una mega festa non autorizzata con 3.500 persone. Il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini ne ha fatto un esempio del nuovo corso del governo («Basta rave party illegali – ha twittato il leader della lega – ora si cambia!»).

Benché vietati in molti Paesi, in Italia non è illegale organizzare un rave party, né è necessario chiedere prima autorizzazioni. Ma solo a due condizioni: che non avvengano a fini di lucro e che non si svolgano, all’interno del raduno, attività illegali (tipo spaccio di droga e disturbo della quiete pubblica).

Invece, in Consiglio dei ministri, arriverà ora un pacchetto di misure contro i rave party: una norma li vieterà espressamente e comporterà la confisca dei mezzi utilizzati per il rave compreso il sequestro di tutti gli strumenti e le apparecchiature musicali.

Strano però che l’Esecutivo faccia più fatica a prendere posizione: quello dei gruppi ultrà dell’Inter che hanno svuotato la curva Nord, sabato, dopo l’omicidio del pluripregiudicato Vittorio Boiocchi, il loro capo con legami nel mondo criminale. Gli ultrà hanno costretto ad andarsene, anche con la violenza, i tifosi non appartenenti ai gruppi organizzati che volevano restare a guardare la partita. Due situazioni di violenza, trattate in modo diverso.

Il Viminale sceglie dunque la linea dura. Dopo aver ordinato lo sgombero immediato dell’area in provincia di Modena occupata per la festa di Halloween da migliaia di giovani, si passa dunque alla fase legislativa con un provvedimento che potrebbe essere varato entro una settimana. Sarà il Consiglio dei ministri a decidere se procedere per decreto e, quindi, con norme subito operative.

In occasione del rave party organizzato in provincia di Viterbo che nell’agosto del 2021 aveva richiamato migliaia di giovani, il Viminale decise di non intervenire.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Da frequentatore assiduo di boschi, finché l’età me lo permetteva, tanti anni fa, ho visto “dal vivo” CON I MIEI OCCHI a Passo 100 Croci, in prossimità di Pievepelago (provincia di Modena, confine tosco-emiliano), che cosa significhi un rave party, con tanto di postumi del giorno dopo. Lascio all’immaginazione di chi legge lo scempio incommensurabile che mi è rimasto impresso in mente! Provare per credere…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube