Diritto e Fisco | Articoli

Usura della banca: scatta il penale per il dirigente che ha sottoscritto il contratto

14 Dicembre 2014


Usura della banca: scatta il penale per il dirigente che ha sottoscritto il contratto

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 Dicembre 2014



Procedimento penale per i vertici dell’organigramma che hanno approvato la scelta di applicare i tassi illeciti.

 

L’eventuale applicazione di tassi usurari al conto corrente del cliente non ha solo effetti di carattere civilistico, con la cancellazione dell’obbligo, per il mutuatario, di restituzione degli interessi oltre il tasso soglia. Le conseguenze – per la banca, ovviamente – sono anche di carattere penale. E non di poco conto.

Di recente il Gip (Giudice per le indagini preliminari) di Torino ha rigettato una richiesta di archiviazione nei confronti dei responsabili della banca che avevano fatto sottoscrivere il contratto al cliente. Il procedimento penale, dunque, va avanti anche nei confronti dei vertici dell’istituto di credito.

Dal punto di vista penale – si legge nel provvedimento – l’eventuale responsabilità di aver applicato tassi usurari non può essere del solo dirigente bancario che ha sottoscritto il contratto, ma devono essere individuate anche le persone che, ai vertici della banca, li hanno stabiliti in quella misura illecita.

Al fine di verificare l’usurarietà del mutuo, poi, è noto che la giurisprudenza è orientata nel senso di non ritenere sommabili il tasso di mora con quello corrispettivo, ma i due, singolarmente presi, devono essere comunque considerati per verificare se, insieme alle commissioni, portano il costo del prestito oltre la soglia dell’usura stabilita dalla legge. Di tanto abbiamo chiarito più volte nelle pagine di questo portale alle quali vi rinviamo (da ultimo, leggi: “Usura: condanna per lite temeraria per chi sostiene il cumulo degli interessi” e “Usurari gli interessi sul mutuo se i moratori si sommano ai corrispettivi e il Tegm è oltre soglia”.

Ma, una volta verificata l’esistenza del tasso usurario, il pubblico ministero dovrà individuare nell’organigramma della banca a chi imputare materialmente la scelta di applicare questi tassi illeciti. E, in tali casi, oltre alle conseguenze (positive) per il correntista, che potrà opporre il decreto ingiuntivo notificatogli, ci saranno quelle (negative) per il responsabile bancario, nei confronti del quale si avvierà un processo penale.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI