Diritto e Fisco | Articoli

Le circolari di Equitalia o dell’Agenzia delle Entrate non sono legge

15 dicembre 2014


Le circolari di Equitalia o dell’Agenzia delle Entrate non sono legge

> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 dicembre 2014



Le prassi interne non sono fonti del diritto e non vincolano né i giudici, né l’amministrazione, né tantomeno i contribuenti.

Ecco un passaggio di una recente sentenza [1] che merita di essere messo in evidenza ai nostri lettori per le implicazioni pratiche che esso potrà avere, soprattutto in materia di vertenze contro il fisco.

In verità, chi ha firmato il provvedimento, la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, non ha fatto altro che ribadire un principio ben noto a tutti i giuristi, ma spesso accantonato in nome di un’ossequiosa riverenza e osservanza di quelle che sono le prassi amministrative, specie quando dall’altro lato c’è l’Agenzia delle Entrate o Equitalia.

In buona sostanza il concetto è questo: le circolari dell’agenzia delle Entrate, anche se interpretative delle disposizioni di legge, non vincolano il contribuente, né l’amministrazione, né, tantomeno, le commissioni tributarie. E ciò per una semplice ragione di carattere giuridico: esse non sono fonti di diritto da rispettare.

La conseguenza di questo ragionamento è rilevantissima: giammai il fisco potrebbe opporre, per esempio, il rigetto di un’istanza del contribuente solo aggrappandosi a una circolare interna. Anche l’esistenza di una circolare che disponga in modo contrario a quelle che sono le richieste del cittadino non obbliga quest’ultimo a sottostare all’interpretazione dell’amministrazione. E, pertanto, questi potrebbe anche rivolgersi al giudice e chiedere una diversa interpretazione a tutela dei propri diritti.

Le fonti del diritto – lo diciamo per chi non è pratico di leggi e manuali di giurisprudenza – sono piuttosto la costituzione, le leggi e i decreti del governo (decreto legge e legislativo), i regolamenti, le leggi regionali, e tutte quante hanno la caratteristica di essere vincolanti per la collettività e anche per i giudici. In pratica, la loro validità è indiscutibile (salvo, ovviamente, intervenga una sentenza di incostituzionalità o l’abrogazione). Diverso discorso vale, invece, per le circolari, che non sono vincolanti per nessuno: sono solo dei regolamenti a carattere interno, scritte a beneficio degli organi amministrativi.

Così, tutte le volte che la legge non prevede diversamente, e si creano vere e proprie lacune che le circolari si arrogano il diritto di colmare, o in quei casi in cui una norma è poco chiara e la circolare pretende di interpretarla, i giudici non sono tenuti a rispettare quanto scritto nella circolare. La conseguenza è che il tribunale potrebbe decidere in modo diametralmente opposto a quello della circolare.

In ogni caso, è bene evidenziare che solo un giudice potrebbe fornire al contribuente la tutela sperata, atteso che l’amministrazione resterebbe comunque della propria posizione, proprio perché vincolata dalla norma di prassi interna.

Di recente alcuni nostri lettori ci hanno segnalato che Equitalia starebbe rigettando le richieste di rateazione di cartelle esattoriali nei casi in cui il contribuente sia decaduto da una precedente dilazione riferita, però, ad altre cartelle di pagamento. Tanto sul presupposto di una direttiva interna del gruppo Equitalia [2]. Ebbene, il discorso appena fatto ben potrebbe estendersi a tali casi, posto che la legge nulla prevede a riguardo e la direttiva dell’Agente della riscossione non è fonte del diritto. Dunque, nel silenzio della norma, il giudice ben potrebbe ritenere che il contribuente abbia pieno diritto a una rateazione per ruoli diversi da quelli per i quali è già decaduto dalla dilazione.

note

[1] CTR Lombardia sent. n. 5176/1/14.

[2] Direttiva Equitalia n. DSR/NC/2008/012 del 27/03/2008.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI