Diritto e Fisco | Articoli

Verbale assemblea condominio: necessaria la firma di presidente e segretario

16 dicembre 2014


Verbale assemblea condominio: necessaria la firma di presidente e segretario

> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 dicembre 2014



Nulla la delibera se manca dei requisiti essenziali.

 

La delibera dell’assemblea di condominio è nulla se non sono state apposte le sottoscrizioni del segretario e del presidente: essa, infatti, in tali casi, è carente dei requisiti minimi essenziali previsti dalla legge.

A dirlo è una recente sentenza del Tribunale di Benevento [1] con cui è stata annullata una delibera che aveva approvato alcuni rendiconti dai cui risultava un credito dell’amministratore contestato, però, dal condominio.

Secondo il giudice campano, quando sul verbale manchi la firma del presidente e del segretario, la delibera dell’assemblea è nulla o, addirittura, inesistente. Un modo per sanarla, tuttavia, ci sarebbe: quello di sopperire al vizio con una successiva deliberazione che ratifichi l’operato e le decisioni della prima.

Le delibere senza sottoscrizione del presidente e dal segretario sono da ricomprendere tra le delibere prive degli elementi essenziali che, in base alle sezioni unite della Corte di cassazione [2], sono da considerarsi nulle.

Altra sentenza della Cassazione ha ritenuto che le dichiarazioni dei condomini contenute nel verbale d’assemblea condominiale, anche se privo della sottoscrizione del presidente e del segretario, sono da considerarsi “dichiarazioni di scienza”: in pratica sarebbero alla pari di una confessione stragiudiziale con effetti solo nei confronti dei condòmini consenzienti.

Non tutti i giudici concordano con questa interpretazione. La stessa Cassazione, diversi anni fa [4] si era espressa in senso opposto.

Invece, è da segnalare l’orientamento del Tribunale di Genova [5] secondo cui solo la firma del segretario è essenziale; al contrario, la mancata sottoscrizione del presidente (poiché non serve a determinare l’assunzione di paternità dell’atto, ma attiene al semplice controllo della fedeltà e della completezza della verbalizzazione) non comporta la nullità del verbale.

note

[1] Trib. Benevento sent. n. 1595/2014.

[2] Cass. S.U. sent. n. 4806/2005.

[3] Cass. sent. n. 23687/2009.

[4] In senso contrario cfr. Cass. sent. n. 212/1972 e n. 2812/ 1973.

[5] Trib. Genova, sent. dell’8.02.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buongiorno sono stato Presidente per delega in una riunione di condominio nel mese di Luglio 2017, la quale ho annullato in un secondo momento, dato che l’ amministratore mi aveva chiamato dopo circa 20 giorni per firmare il verbale.
    Sono venuto ora a conoscenza che il segretario il 7 Novembre c.a. ha firmato il verbale dietro invito dell’ amministratore. E’ possibile una cosa simile? Grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI