Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Multe e cartelle esattoriali: arriva la rottamazione

7 Novembre 2022 | Autore:
Multe e cartelle esattoriali: arriva la rottamazione

Per tutti i debitori dello Stato fino a mille euro il Governo ha riservato un trattamento speciale: la rottamazione dei loro debiti.

Ormai sono settimane che il Governo Meloni annuncia di voler intervenire in tema economico e fiscale per aiutare i cittadini rimasti indietro con i pagamenti allo Stato, e per farlo sembra proprio che la soluzione trovata dal nuovo Esecutivo sia una rottamazione di multe e cartelle esattoriali non pagate fino a mille euro.

Lo scopo di cancellare le cartelle esattoriali di importo medio-basso è quello di aiutare i contribuenti in questo momento di difficoltà, avviando il Governo con un’operazione che sicuramente sarà gradita ai più: si parla, infatti, di circa 23 milioni di italiani con una pendenza esattoriale.

Tra i primi obiettivi dell’Esecutivo, quindi, c’è quello di una rottamazione delle cartelle di «modico» valore, pari ad un massimo di mille euro. A settembre 2021, dopo la sospensione dell’invio delle cartelle esattoriali da pagare durante il periodo Covid, il Fisco è tornato a battere cassa, ma quest’anno – a causa della terribile crisi economica dovuta ai tassi di inflazione alle stelle – per molte famiglie potrebbe essere particolarmente difficile, se non impossibile, riuscire a saldare i propri debiti, anche in vista del costoso inverno che arriverà.

Ma cosa prevede l’operazione di «saldo e stralcio» che sta ipotizzando Meloni? Lo scopo, come accennato, è quello di cancellare i piccoli debiti a partire dalla rottamazione totale di quelli fino a mille euro. I debiti fino a 2.500 euro, invece, risalenti (forse) fino al 2015, potrebbe esserci un saldo del 20% del dovuto, con un taglio dell’80%. Il Governo starebbe valutando anche una rottamazione per debiti con importi maggiori, ai quali verrebbero applicati interessi ridotti al 5% con una rateizzazione quinquennale o decennale.

Tra coloro che sicuramente rientrerebbero nella misura allo studio del Governo ci sono i no vax over 50 ai quali è stata comminata una multa da 100 euro per non essersi vaccinati quando dovuto. Si parla di quasi 2 milioni di multe che dovrebbero essere inviate entro la fine di novembre.

Nel suo lungo discorso programmatico alla Camera, la Premier Giorgia Meloni ha spiegato brevemente a livello fiscale cosa intende fare il suo Governo: «Dovrà nascere un nuovo patto fiscale, che poggerà su tre pilastri:

  • il primo: ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie attraverso una riforma all’insegna dell’equità: riforma dell’Irpef con progressiva introduzione del quoziente familiare ed estensione della tassa piatta per le partite Iva dagli attuali 65 mila euro a 100 mila euro di fatturato. E, accanto a questa, introduzione della tassa piatta sull’incremento di reddito rispetto al massimo raggiunto nel triennio precedente: una misura virtuosa, con limitato impatto per le casse dello Stato e che può essere un forte incentivo alla crescita;
  • il secondo: una tregua fiscale per consentire a cittadini e imprese (in particolare alle Pmi) in difficoltà di regolarizzare la propria posizione con il fisco;
  • il terzo: una serrata lotta all’evasione fiscale (a partire da evasori totali, grandi imprese e grandi frodi sull’Iva) accompagnata -ha concluso la premier- da una modifica dei criteri di valutazione dei risultati dell’Agenzia delle Entrate, che vogliamo ancorare agli importi effettivamente incassati e non alle semplici contestazioni, come incredibilmente avvenuto finora».


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube