Multe stradali: a Natale aumentano

16 Dicembre 2014
Multe stradali: a Natale aumentano

La mancata copertura assicurativa passerà da 841,00 a 845,00 euro, mentre l’autovelox farà scattare una sanzione da 169 euro.

Ferragosto e capodanno sono, da sempre, i momenti migliori per le spremiture. Ritocchi su tasse e sanzioni trovano un appuntamento fisso quando gli italiani sono impegnati coi festeggiamenti. Così, salvo diversa decisione politica, dal 1° gennaio dell’anno nuovo gli importi delle multe stradali aumenteranno. Ma non tutte.

L’aumento, questa volta, è quasi irrisorio: si parla dello 0,5%, frutto della stagnazione economica e della pressoché assente inflazione. L’aumento biennale più basso mai registrato dall’entrata in vigore del nuovo codice stradale.

L’aumento è previsto in via automatica ogni due anni, per adeguare le sanzioni amministrative previste in caso di multe stradali all’aumento dei prezzi al consumo, secondo quando indicato dall’Istat (si tiene a riferimento l’aumento dei prezzi al consumo per le famiglie verificato nei due anni precedenti). È lo stesso codice stradale a prevederlo [1]: quindi, per questa volta, la politica non c’entra nulla.

L’aumento, quest’anno, sarà solo dello 0,5%; pertanto verrà emanato un decreto interministeriale che stabilirà i nuovi importi delle multe che decorrono dal 1° gennaio successivo al biennio di riferimento.

 

Arrotondamento

Nel calcolo dei nuovi importi si applicherà la tradizionale regola dell’arrotondamento. In pratica, un semplice divieto di sosta resterà ancorato al tradizionale importo di 41,00 euro, mentre un multa per mancata copertura assicurativa passerà da 841,00 a 845,00 euro. Le multe per autovelox passeranno da 168,00 a 169,00 euro, mentre il mancato uso della cintura di sicurezza resterà punito con 80,00 euro di sanzione.


note

[1] Art. 195 cod. str.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube