Politica | Articoli

Insulti ai politici: dire “parassita” è diffamazione o diritti di critica?

7 Febbraio 2012 | Autore:
Insulti ai politici: dire “parassita” è diffamazione o diritti di critica?

Il confine tra diritto di critica e la diffamazione è sempre molto labile quando si ha a che fare con i giornalisti o, peggio, come nel caso qui deciso dalla Cassazione, con i politici: secondo la Suprema Corte, però, si può chiamare “parassita” il politico purché vengano spiegati i motivi.

Chiamare “parassita” un personaggio politico costituisce diffamazione [1] a meno che si argomentino le ragioni dalle quali l’insulto è scaturito.

Così si è pronunciata la Cassazione [2] sul caso di un giornalista accusato di diffamazione a mezzo stampa per aver offeso, in un articolo di giornale, due parlamentari definendoli “parassiti” [3].

I giudici hanno ritenuto che l’epiteto “parassita”, in quanto rientrante nel diritto di critica, può essere liberamente espresso e considerato espressione di “folklore giornalistico” a patto che, però, vengano spiegate le ragioni di fatto su cui si fonda tale giudizio negativo (per esempio, riportando determinati discutibili atteggiamenti o discorsi della persona insultata).

Ciò perché, altrimenti, l’insulto non rappresenta un segno di critica costruttiva – intesa come “valutazione argomentata di condotte, espressioni o idee”-, ma semplicemente occasione e pretesto per sfogare sentimenti ostili verso il destinatario determinando, così, una lesione ingiustificata della reputazione altrui.

In sintesi, perché il comportamento rientri nel diritto di critica, è necessario che il giudizio espresso su una persona, anche se severo e irriverente, sia collegato con i fatti concreti dai quali il criticante prende spunto, al termine di un ragionamento logico e coerente.

Sempre la Cassazione [4], in un caso simile, ha confermato la sanzione disciplinare [5] a carico del presidente del Tribunale dei minori di Genova, reo di aver insultato, nel corso di una riunione dell’Associazione Nazionale Magistrati, l’ex presidente del consiglio S. Berlusconi e l’ex ministro della giustizia A. Alfano, chiamandoli “gaglioffi” (come sinonimo di “inetti”).

I giudici della Suprema Corte hanno sottolineato l’offensività del termine “gaglioffo”, utilizzato come sinonimo di “cialtrone, imbroglione, manigoldo, delinquente, avvezzo alla sopraffazione“.

Tale espressione, è stata ritenuta del tutto gratuita e non necessaria, nonostante i toni accesi e aspri che hanno caratterizzato la lotta politica-magistratura in materia di riforma della giustizia.


note

[1] Art. 595 c.p.

[2] Cass., sez. V pen., sent. n. 48553 del 2011.

[3] Per completezza di esposizione si informa il lettore che nel caso di specie l’imputato, nonostante la sussistenza del reato di diffamazione, non è stato condannato a causa della prescrizione del reato, intervenuta dopo la pronuncia della sentenza di secondo grado.

[4] Cass., sez. V pen., sent. n. 28813 del 2011.

[5] La sanzione inflitta, nel caso di specie, era sta la “censura”: essa rientra nell’ambito delle sanzioni disciplinari irrogabili al giudice dal Consiglio Superiore della Magistratura e consiste in una dichiarazione formale di biasimo.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube