Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

I lavori più richiesti fino al 2026

10 Novembre 2022 | Autore:
I lavori più richiesti fino al 2026

Quali sono i settori che, secondo le stime degli addetti, daranno maggiori garanzie occupazionali nei prossimi anni.

Non saranno, sicuramente, delle «galline dalle uova d’oro» ma si propongono come i tre settori su cui un giovane deve investire già da quando si iscrive all’università per avere una certezza maggiore di trovare alla fine del percorso un posto di lavoro. Quali sono questi tre settori? Quali i lavori più richiesti fino al 2026, cioè fino a quando si può fare una previsione con un margine di errore molto ridotto?

Tenendo conto dell’evoluzione che hanno avuto i settori produttivi negli ultimi decenni, della società stessa e della svolta nell’impostazione di vita che si sta vivendo in tutto il mondo, i «tre magnifici» appaiono quasi scontati. Vediamo di che si tratta.

Il lavoro nel settore hi-tech e digitale

Secondo Unioncamere, la tecnologia resta sempre il settore che offre e che offrirà ancora maggiori opportunità di lavoro almeno fino al 2026. L’hi-tech e, in generale, il mondo digitale e delle telecomunicazioni porterà al rialzo servizi come la finanza e la consulenza (quest’ultima anche a supporto della gestione dei progetti sviluppati grazie al Pnrr).

Nello specifico, gli operatori del settore dell’Information technology segnalano come posizioni più richieste nei prossimi anni:

  • il data analyst, cioè la figura che analizza e interpreta i dati allo scopo di estrarre informazioni utili per verificare le ipotesi di business;
  • il data engineer, vale a dire chi si occupa di preparare i dati per usi analitici o operativi e garantisce la disponibilità dei dati, nonché la loro qualità e fruibilità, per metterli al servizio del business;
  • il big data developer, che gestisce grandi quantità di dati per trarne indicazioni utili all’attività e al successo della società per cui lavora.

Posizioni ben remunerate: ad esempio, un data engineer con meno di cinque anni di esperienza può guadagnare fino a 45.000 euro lordi all’anno e fino a 65.000 se ha maturato tra cinque e dieci anni di lavoro.

Il lavoro nel settore sanitario e assistenziale

La popolazione invecchia e la pandemia ci ha insegnato che la forza lavoro nel comparto sanitario è sempre la benvenuta. Ecco, allora, che nei prossimi anni, almeno fino al 2026 secondo le stime di Unioncamere, un altro dei settori con i lavori più richiesti è quello sanitario e assistenziale. Medici, infermieri ma anche operatori che si occupano della cura della persona, senza dimenticare il settore farmacologico, soprattutto dal punto di vista della ricerca.

Più nello specifico, avranno più chance di trovare occupazione le figure che si occupano di fornire informazioni scientifiche e dati rilevanti che provengono dalla sperimentazione farmacologica, per cui la via universitaria della farmacia e della biologia può essere particolarmente vincente.

La maggior parte delle richieste, secondo gli addetti ai lavori, sono nelle aree dell’ematologia, dell’immunologia, della neuroscienza e dell’oncologia. Si può partire da uno stipendio annuo tra 45.000 e 60.000 euro.

Il lavoro nel settore dell’ambiente

Ed ecco la terza realtà di questo mondo che cambia e che dà nuove opportunità di lavoro a chi sa cogliere le nuove tendenze della società. Siamo sempre più «green», la tendenza è quella di avere una maggiore attenzione per l’ambiente. Per questo tra i lavori più richiesti nei prossimi anni ci sono anche quelli che hanno a che fare con i consumi energetici (li chiamano energy manager) per gestirli e ottimizzarli nell’ottica del risparmio e di una maggiore efficienza. Arrivato ad un certo livello di esperienza, l’energy manager può guadagnare tra i 60.000 e i 70.000 euro all’anno.

Quali sono le altre lauree più richieste?

Ci sono anche altri lavori che si prevedono tra i più richiesti per i prossimi anni. Ecco, allora, l’elenco dei principali settori che (in quest’ordine) offriranno, secondo le stime, maggiori opportunità di lavoro da qui al 2026:

  • economico-statistico;
  • giuridico e politico-sociale;
  • ingegneria;
  • insegnamento e formazione;
  • architettura, urbanistico e territoriale;
  • letterario, filosofico, storico e artistico;
  • linguistico, traduttori e interpreti;
  • scienze matematiche, fisiche e informatiche;
  • psicologico;
  • agroalimentare.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube