Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Mantenimento non dovuto: va restituito?

10 Novembre 2022 | Autore:
Mantenimento non dovuto: va restituito?

Assegno di mantenimento e assegno di divorzio modificato e ridotto: è dovuta la restituzione delle somme pagate in precedenza?

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno finalmente risposto a una domanda che, da molto tempo, generava contrasti all’interno della giurisprudenza: l’assegno di mantenimento non dovuto va restituito? Per comprendere meglio l’importanza della pronuncia in commento [1] bisognerà partire da due esempi pratici. 

Partiamo dal primo. Ipotizziamo il caso di una coppia di coniugi che, dopo diversi anni di matrimonio, decida di separarsi. In sede di prima udienza, il giudice assegna alla moglie, in via provvisoria e in attesa della sentenza definitiva, un assegno di mantenimento di 400 euro al mese. È la cosiddetta udienza presidenziale che, come da procedura, consente al coniuge più debole di affrontare le spese per il proprio sostentamento senza dover attendere l’esito del processo (per il quale potrebbe essere necessario attendere diversi anni). Senonché, al temine del giudizio, il tribunale riduce l’ammontare di tale assegno, stabilendo che il marito debba versare alla moglie solo 200 euro al mese. A quel punto, l’uomo chiede alla donna la restituzione di tutte le somme che le ha versato dal giorno dell’udienza presidenziale sino alla pubblicazione della sentenza. Lei si oppone, avendo ormai speso i soldi ma soprattutto avendoli – a suo dire – incassati legittimamente in forza di un provvedimento del giudice. Chi dei due ha ragione? Se l’assegno di mantenimento viene modificato, vanno restituite le somme nel frattempo incassate dal coniuge beneficiario? 

Ed ora il secondo esempio. Lo stesso problema si pone anche in caso di impugnazione della sentenza di primo grado. Si pensi alla moglie che, dinanzi al tribunale, ottenga un mantenimento di 400 euro ma poi si veda ridurre tale importo, dalla Corte di Appello, a soli 200 euro. Anche in questo caso, la domanda che si pone è la medesima: vanno restituite le somme nel frattempo versate a titolo di mantenimento (ossia quelle relative alle mensilità intercorrenti tra il giudizio di primo grado e quello di secondo grado)?

La questione si pone peraltro, nei medesimi termini, anche per l’assegno divorzile, quello cioè che, sostituendo l’assegno di mantenimento deciso in sede di separazione, scatta a partire dalla data del divorzio; ed anche per tutti i casi in cui il giudizio origini da una richiesta di revisione dell’ammontare dell’assegno di mantenimento o divorzile, come spesso succede quando cambino le condizioni economiche delle parti nel tempo.

Ecco dunque qual è stata la soluzione offerta dalla Suprema Corte.

Ripetibilità dell’assegno di mantenimento 

«Ripetibilità» è un termine spesso usato dai giuristi: sta a significare «restituzione». Quindi, parlare di ripetibilità dell’assegno di mantenimento vuol dire riferirsi alla possibilità di chiedere indietro le somme versate per errore o in assenza dei presupposti di legge. È quindi “ripetibile” ad esempio un pagamento non dovuto. 

Ritorniamo ora alla questione dell’eventuale restituzione (ossia della “ripetibilità”) dei soldi versati da un coniuge all’altro a seguito della separazione o del divorzio e della successiva modifica dell’importo dell’assegno di mantenimento. 

Le Sezioni Unite della Cassazione non offrono una soluzione unitaria al problema e distinguono due diverse ipotesi:

  • vanno restituite le somme versate a titolo di mantenimento quando il giudice escluda la sussistenza, sin dall’origine, del diritto a percepirle;
  • non possono invece essere restituite le somme versate a titolo di mantenimento quando il giudice sottopone a un diverso giudizio le condizioni economiche del soggetto obbligato o dei bisogni del beneficiario e, a seguito di ciò, rimodula al ribasso gli importi dovuti. 

La ragione di tale differenza di trattamento è molto semplice. Il primo caso si verifica quando viene a mancare del tutto lo stato di bisogno del coniuge beneficiario (si pensi a due coniugi che abbiano la medesima retribuzione, che magari viene accertata a seguito delle indagini tributarie svolte nel corso del processo); oppure quando il giudice accerta la sussistenza dei presupposti per l’addebito (ossia l’imputazione di responsabilità per la fine del matrimonio), cosa che accade, ad esempio, quando viene accertato un tradimento o l’abbandono del tetto coniugale. Anche in questo secondo caso, infatti, difetta all’origine il diritto a percepire l’assegno di mantenimento; difatti chi subisce l’addebito perde il diritto a chiedere qualsiasi sostegno economico, anche in caso di difficoltà economiche. 

Divorzio: sì alla restituzione dell’assegno se mancano i presupposti

Al contrario, come detto sopra, il diritto a ripetere le somme versate a titolo di assegno di mantenimento (o di assegno divorzile) non sorge quando la rivalutazione riguarda le possibilità economiche del coniuge obbligato al mantenimento (si pensi al caso del marito che, nel corso della causa, riesca a dimostrare di dover sostenere numerose spese, come quelle per il mutuo, che non gli consentono di pagare un importo elevato a titolo di mantenimento) o quando tale importo viene rimodulato dal giudice in relazione ai più contenuti bisogni economici del coniuge beneficiario.

Le motivazioni tecniche della Cassazione sulla restituzione delle somme versate a titolo di mantenimento

Per la Cassazione non esiste, nel nostro ordinamento, una norma che sancisca l’irripetibilità dell’assegno alimentare provvisoriamente disposto a favore dell’alimentando. Bisogna mediare le esigenze di un coniuge e quelle dell’altro tenendo in particolare conto quelle della parte economicamente più debole. 

Non si tratta dunque certamente di dettare una regola di «automatica irripetibilità» delle prestazioni rese in esecuzione di obblighi di mantenimento”, ma piuttosto di operare un “necessario bilanciamento” a tutela del soggetto che sia stato riconosciuto “parte debole nel rapporto”. Si deve infatti presumere, prosegue il ragionamento, che le maggiori somme versate “siano state comunque (in atto o in potenza) consumate, proprio per fini di sostentamento, dal coniuge debole”.

La Corte non arriva però fino a definire l’entità di questa somma, che è “necessariamente modesta”, ma che non essendo stata fissata “in maniera rigida” dal Legislatore richiede “una valutazione personalizzata” da parte del giudice di merito, considerate tutte le variabili del caso concreto: “la situazione personale e sociale del coniuge debole, le ragionevoli aspettative di tenore di vita ingenerate dal rapporto matrimoniale ovvero di non autosufficienza economica”.

Il principio di diritto delle Sezioni Unite della Cassazione in tema di ripetibilità dell’assegno di mantenimento o divorzile

Da qui l’affermazione del seguente principio di diritto.

In materia di famiglia e di condizioni economiche nel rapporto tra coniugi separati o ex coniugi, per le ipotesi di modifica nel corso del giudizio, con la sentenza definitiva di primo grado o di appello, delle condizioni economiche riguardanti i rapporti tra i coniugi, separati o divorziati, sulla base di una diversa valutazione, per il passato (e non quindi alla luce di fatti sopravvenuti, i cui effetti operano, di regola, dal momento in cui essi si verificano e viene avanzata domanda), dei fatti già posti a base dei provvedimenti presidenziali, confermati o modificati dal giudice istruttore, occorre distinguere: 

  1. vanno restituiti gli importi versati in presenza di una rivalutazione della condizione del richiedente, ove si accerti l’insussistenza, sin dall’origine, dei presupposti per l’assegno di mantenimento o divorzile (pertanto opera la cosiddetta «condictio indebiti»); 
  2. non vanno restituiti (e quindi non opera la «condictio indebiti») gli importi versati a titolo di mantenimento, sia se si procede ad una rivalutazione, con effetto retroattivo, «delle sole condizioni economiche del soggetto obbligato alla prestazione (con conseguente negazione integrale del mantenimento)», sia se viene effettuata (sotto il profilo invece quantitativo) una semplice rimodulazione al ribasso, anche sulla base dei soli bisogni del richiedente, purché sempre in ambito di somme di denaro di entità modesta. 

Diventa più facile per l’ex recuperare le somme versate al coniuge separato o divorziato quando risulta modificato in corso di causa il provvedimento che ha disposto il pagamento, cautelare o di merito. E cioè quando la sentenza definitiva di primo grado o di appello stabilisce un nuovo assetto per le condizioni economiche nei rapporti fra i coniugi separati o divorziati sulla base di una diversa valutazione – per il passato – dei fatti già posti a fondamento dei provvedimenti presidenziali, confermati o modificati dal giudice istruttore. Lo stabiliscono le Sezioni unite civili della Cassazione.

La sentenza però non riguarda le ipotesi nelle quali le condizioni economiche dei rapporti fra coniugi separati o ex risultano modificate alla luce di fatti sopravvenuti, i cui effetti operano di regola dal momento in cui le circostanze si verificano e risulta avanzata la domanda. Il principio affermato dalla Suprema corte vale invece in caso di differente valutazione di fatti pregressi. E bisogna distinguere tre ipotesi.

Opera la regola generale civile della piena ripetibilità delle prestazioni economiche effettuate («condicio indebiti») quando si rivaluta la condizione del coniuge richiedente o avente diritto e si accerta che non sussistono dall’origine i presupposti per il riconoscimento dell’assegno divorzile o di mantenimento; in due casi le somme, invece, non risultano ripetibili: quando il giudice procede a rivalutare con effetto ex tunc le sole condizioni economiche del soggetto richiesto o obbligato alla prestazione per stabilire se sussiste il diritto all’assegno; laddove risulta compiuta una semplice rimodulazione al ribasso, anche sulla base dei soli bisogni del richiedente, a patto che si tratti di somme di modesta entità: pesano in proposito sia il canone di solidarietà post-familiare sia un principio di esperienza pratica secondo cui si deve presumere che il denaro sia stato ragionevolmente consumato dal soggetto richiedente che si trova in condizioni di accertata debolezza economica. Al di fuori dei due casi dell’ipotesi precedente, opera la regola generale dell’irripetibilità quando scatta la modifica con effetto ex tunc dei provvedimenti economici fra coniugi o ex coniugi.

note

[1] Cass. S.U. sent. n. 32914/2022 del 09.11.2022. 

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube