Diritto e Fisco | Editoriale

ISEE: le nuove indicazioni operative dall’INPS

21 Dicembre 2014
ISEE: le nuove indicazioni operative dall’INPS

DSU con validità dalla presentazione fino al 15 gennaio dell’anno successivo; rafforzato il sistema di controlli.

Dal 2015 cambia l’Isee e, nel frattempo, l’Inps ha emesso una circolare [1] con al quale illustra i nuovi principi normativi e le indicazioni operative per l’applicazione della nuova normativa [2].

Nucleo familiare

L’Inps conferma il principio secondo cui, del nucleo familiare fanno parte i componenti della famiglia anagrafica alla data di presentazione della dichiarazione sostitutiva unica (DSU). I coniugi, inoltre, fanno parte dello stesso nucleo familiare anche se hanno una diversa residenza anagrafica con l’eccezione di casi particolari (come nel caso di sopravvenuta separazione).

Dunque, il coniuge con residenza anagrafica diversa è comunque attratto nel nucleo familiare del dichiarante, a meno che non sia intervenuta una separazione (giudiziale o consensuale omologata). La residenza diversa è ammessa anche in casi “patologici”, per esempio quando uno dei coniugi sia stato escluso dalla potestà sui figli.

Il figlio con meno di 18 anni fa parte del nucleo familiare del genitore; il minore in affidamento preadottivo fa parte del nucleo dell’affidatario, a prescindere dallo stato anagrafico .

Il figlio maggiorenne non convivente con i genitori, ma a carico ai fini Irpef, se non coniugato e privo di figli, fa parte del nucleo familiare dei genitori.

Nel caso di Isee universitario il richiedente, che non convive con i genitori, fa comunque parte del loro nucleo familiare a meno che non ricorrano le due condizioni: capacità reddituale e residenza fuori dalla famiglia da almeno due anni.

Informazioni

Il nuovo Isee si alimenta di informazioni in parte autodichiarate dal cittadino (informazioni anagrafiche, dati sulla presenza di persone con disabilità), in parte prelevate direttamente dagli archivi della pubblica amministrazione, come quelli dell’Agenzia delle Entrate (reddito complessivo ai fini IRPEF, saldo medio in banca), dei registri pubblici (possesso di immobili e di automobili) e dell’INPS (trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari erogati dall’INPS, ad esempio indennità di accompagnamento, assegno per il nucleo familiare, assegno di maternità e assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori concessi dai Comuni).

La DSU ha validità dal momento della presentazione fino al 15 gennaio dell’anno successivo. Decorso tale termine, non si può utilizzare la DSU scaduta per la richiesta di nuove prestazioni, ferma restando la validità della stessa per le prestazioni già richieste.

Viene rafforzato il sistema di controlli svolti da Agenzia delle entrate, da INPS, dagli enti erogatori e dalla Guardia di finanza.

Con le nuove disposizioni l’ISEE corrente consente di aggiornare i dati reddituali di una DSU già presentata, a causa di una modifica della situazione lavorativa di un componente che ha determinato una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo.

La DSU

La dichiarazione sostitutiva unica è necessaria per calcolare l’Isee per accedere con modalità agevolate ai servizi sociali: dall’asilo nido ai servizi assistenziali, dalle prestazioni socio-sanitarie al diritto allo studio universitario. Per la stragrande maggioranza delle situazioni si potrà compilare il modello «mini», che però è precluso in particolari situazioni: per la richiesta di servizi relativi al diritto allo studio universitario; quando in famiglia siano presenti persone con disabilità o non autosufficienti; in caso di esonero dalla dichiarazione o di sospensione degli adempimenti tributari; in presenza di figli i cui genitori non siano coniugati o conviventi.

La dichiarazione sostitutiva può essere presentata attraverso l’Inps (attraverso il sito web o lo sportello), i Comuni, i Caf, l’amministrazione che eroga i servizi. Chi sottoscrive la certificazione attesta di essere consapevole delle responsabilità penali in caso di informazioni false.

Il vecchio Isee resta valido

Il 1° gennaio entra in vigore il nuovo Isee, ma chi sta già beneficiando di prestazioni agevolate sulla base del vecchio indicatore non deve rinnovare la dichiarazione utilizzando le nuove regole all’inizio del 2015. Infatti potrà continuare a usare il vecchio Isee fino alla sua naturale scadenza oppure fino al termine della prestazione. Le nuove regole si applicheranno in occasione della nuova richiesta. La precisazione è stata fornita dal ministero del Lavoro.


note

[1] Inps, circolare n. 171 del 18.12.2014.

[2] D.P.C.M. n. 159/2013, che prevede l’entrata in vigore dal 1° gennaio 2015.

 

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube