Diritto e Fisco | Articoli

Il rifiuto di consumare rapporti sessuali è causa di addebito nella separazione

10 Febbraio 2012
Il rifiuto di consumare rapporti sessuali è causa di addebito nella separazione

Nel matrimonio, il volontario e ingiustificato rifiuto di consumare rapporti sessuali è causa di addebito della separazione ed obbliga a risarcire i danni morali ed esistenziali patiti dal partner.

In un caso non troppo datato, la Cassazione [1] ha attribuito la responsabilità della separazione matrimoniale a un uomo, condannandolo al risarcimento danni, perché, senza valide motivazioni, si era rifiutato per oltre sette anni di consumare rapporti sessuali con la moglie.

Secondo i giudici, un simile contegno è idoneo a causare una gravissima offesa alla dignità e all’onore del partner determinando la violazione dei doveri morali e materiali sanciti dal codice civile [2].

Una sentenza, quella in parola, destinata a fare non solo giurisprudenza, ma anche epoca e stile. Con essa, infatti, la Cassazione lancia un chiaro messaggio con cui invita le nuove generazioni a riflettere con responsabilità prima di far sbocciare i fiori d’arancio. Le recenti statistiche dimostrano infatti che, in Italia, fra le principali cause di rottura del vincolo matrimoniale, accanto alle difficoltà economiche, vi è la scarsa affinità sessuale.




note

[1] Cass. sent. n. 6276 del 23 marzo 2005.

[2] L’art. 143 comma 2 c.c dispone: “Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione”.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube