HOME Articoli

News Infortuni in itinere: tragitto interrotto per accompagnare il figlio a scuola

News Pubblicato il 22 dicembre 2014

Articolo di




> News Pubblicato il 22 dicembre 2014

Nuove linee guida dell’INAIL per le deviazioni dal tragitto casa-lavoro.

 

L’infortunio capitato al lavoratore nel tragitto casa-lavoro (cosiddetto infortunio in itinere), interrotto o deviato per accompagnare il proprio figlio a scuola, da oggi in poi potrà essere risarcito con la tutela assicurativa, sempre che venga verificata la necessità dell’utilizzo del mezzo privato.

È quanto precisato dall’Inail in una circolare di qualche giorno fa [1].

Condizioni per il risarcimento

Per prima cosa, in ogni caso, andranno verificate le modalità e le circostanze del caso concreto, quali età del figlio, lunghezza e durata della deviazione, mancanza di alternative. Da tali dati deve risultare necessario il percorso effettuato dal dipendente e il soddisfacimento delle esigenze familiari, la cui violazione è anche penalmente sanzionata.

Le nuove linee guida si applicano ai casi futuri nonché alle fattispecie in istruttoria e a quelle per le quali sono in atto controversie amministrative o giudiziarie o, comunque, non prescritte o decise con sentenza passata in giudicato.

Per quanto riguarda i motivi, secondo la Cassazione è necessario valutare le esigenze familiari addotte dal lavoratore al fine di riconoscere l’indennizzabilità dell’infortunio in itinere.

note

1] Inail, circolare n. 62 del 18.12.2014.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI