Diritto e Fisco | Articoli

Trust: nessuna imposta di donazione, solo l’ipotecaria e catastale


Trust: nessuna imposta di donazione, solo l’ipotecaria e catastale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 dicembre 2014



Il trustee riceve un diritto condizionato che non gli contente di ottenere i beni trasferitigli: con la conseguenza che manca l’arricchimento che è anche presupposto per l’imposta di donazione.

L’atto con cui viene trasferito un immobile a favore di un trust non deve pagare l’imposta di donazione, ma solo quella ipotecaria e catastale, in misura fissa. E ciò perché l’effetto principale della costituzione di un trust è quello “segregativo”: esso cioè crea una massa distinta e autonoma di beni che non si confonde né col patrimonio del trustee né con quello del beneficiario. Quest’ultimo è titolare di un diritto sottoposto a una condizione sospensiva che non gli consente di ottenere i beni allo stesso trasferiti. Manca quindi quell’arricchimento, almeno immediato, che costituisce il presupposto dell’imposta di donazione.

A tanto è arrivata una sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Como [1]. La sentenza si inserisce nell’ambito di una diatriba giurisprudenziale che, a volte, propende per le tesi a favore del fisco [2], a volte per quelle del contribuente.

note

[1] CTP Como, sent. n. 438/2014.

[2] CTP Milano, sent. n. 113/18/2009.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI