Diritto e Fisco | Articoli

Reato per chi ha la password al database ma vi accede per fini illeciti

7 Febbraio 2012 | Autore:
Reato per chi ha la password al database ma vi accede per fini illeciti

Commette reato di accesso abusivo anche chi, pur avendo legittimamente le password di accesso, entra nel database informatico  per commettere un illecito.

Anche chi ha i codici e le password per entrare legittimamente in un database risponde del reato di accesso abusivo [1] se usa il sistema informatico per commettere un illecito.

La Cassazione [2] ha, sulla scorta di tale principio, condannato un carabiniere che, entrato nell’archivio dell’arma, non lo aveva utilizzato per scopi investigativi di servizio, ma per rivelare a una conoscente informazioni riservate su terzi soggetti.

Non è dunque vero che tale delitto è riservato solo agli hacker, cioè a coloro che, non muniti delle credenziali di accesso al sistema, lo forzino con espedienti tecnologici. È sufficiente, invece, essere animati dallo scopo di violare le condizioni e i limiti prescritti dal titolare del sistema per l’uso dello stesso.

Il reato dunque si pone alla portata di chiunque.

Tanto per esemplificare: illecito potrebbe essere il comportamento del titolare di una palestra che prelevi i dati degli iscritti e li offra a società che vendono prodotti sportivi; o il caso di un segretario di un istituto scolastico che reperisca il numero di telefono degli studenti per finalità diverse da quelle dell’istruzione; o ancora il dipendente di una società che, prima di dimettersi, copi il contenuto di un hard disk con gli estremi della clientela, per poi operare, in un momento successivo, una concorrenza sleale ai danni dell’ex datore di lavoro.

 

 



note

[1] Art. 615-ter c.p.

[2] Cass. Sez. Un., sent. n. 4694 del 7 febbraio 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube