Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramento beni mobili anche per importi minimi

28 Dicembre 2014
Pignoramento beni mobili anche per importi minimi

Nel caso di cartelle esattoriali non pagate per debiti minori, di importo inferiore a 20mila euro, Equitalia può attivare la procedura di pignoramento di beni mobili, registrati e non, del debitore?

Anche per debiti di valore inferiore a 20mila euro, l’agente della riscossione (Equitalia) può pignorare i beni mobili del debitore, soggetti o meno a registrazione (automobili, motocicli, imbarcazioni), detenuti da lui o anche da terzi. Si parla, a riguardo, di pignoramento mobiliare di cose e di crediti presso terzi.

All’agente della riscossione, per tali importi, è preclusa solo l’espropriazione di beni e diritti immobiliari, per la quale la legge esige che il debito maturato superi i 120mila euro [1].

Peraltro sotto i 20mila euro, non è nemmeno consentita l’iscrizione di ipoteca sugli immobili del debitore [2]. Di tanto abbiamo già parlato nell’articolo “Debiti con Equitalia e pignoramento della casa: tutte le ipotesi”.

Ricordiamo, comunque, che anche nell’esecuzione forzata esattoriale, Equitalia è tenuta a rispettare le regole generali del pignoramento mobiliare: a partire dal limite di orario (dalle 7 alle 21) e di giorni in cui l’ufficiale giudiziario può effettuare l’accesso in casa del debitore (leggi: “Pignoramento: in quali orari si può presentare l’ufficiale giudiziario?”), per finire a quelle sui beni che non possono essere pignorati (l’elenco nell’articolo: “Cosa non può prendere l’ufficiale giudiziario”).


note

[1] Art. 76 del Dpr 602 del 1973.

[2] Art. 77 del Dpr 602 del 1973.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube