Diritto e Fisco | Articoli

Sì agevolazione prima casa anche se c’è donazione

29 Dicembre 2014
Sì agevolazione prima casa anche se c’è donazione

Bonus fiscale: l’intento della legge è quello di favorire la proprietà della prima casa e non quello di limitare il regime di favore al solo caso di esborso finanziario che si ha con la compravendita.

Non si decade dall’agevolazione sulla prima casa qualora, una volta venduto l’immobile “beneficiato”, il successivo immobile (che deve essere acquistato entro 18 mesi) ove fissare la propria residenza sia stato acquisito tramite donazione (e non con una compravendita).

A dirlo è stata una recente sentenza della Commissione Tributaria della Lombardia [1].

La vicenda

Un contribuente vendeva un immobile acquistato con il bonus “prima casa”, ma nell’anno successivo otteneva in donazione un appartamento ove fissava la propria residenza. L’Agenzia delle Entrate, tuttavia, gli contestava l’omesso acquisto, entro il termine di legge, di un altro immobile, revocandogli così l’agevolazione.

La sentenza

Il quesito affrontato dai giudici tributari di secondo grado [1] è stato dunque il seguente: per impedire la decadenza dell’agevolazione sul primo acquisto, occorre effettivamente stipulare il rogito di un atto di vendita oppure è sufficiente semplicemente l’acquisizione di un nuovo immobile, comunque essa sia avvenuta, ossia anche per donazione?

La legge [2] stabilisce che la decadenza non opera nel caso in cui, entro diciotto mesi dall’alienazione dell’immobile acquistato con i benefici, venga acquistato un altro immobile da adibire ad abitazione principale [3].

Qual è, tuttavia, il corretto significato da attribuire al termine “acquisto”? Secondo la sentenza in commento, proprio perché la norma non specifica quali debbano essere le modalità di acquisto non si può pretendere una interpretazione ristretta alla sola compravendita. Per impedire la decadenza dell’agevolazione, dunque, è sufficiente che vi sia un acquisto di immobile – in qualsiasi forma – da adibire ad abitazione principale. È irrilevante se esso avviene a titolo oneroso (vendita) o gratuito (donazione).

Quanto chiarito dalla Ctr è, del resto, anche il pensiero della Cassazione [4], per come chiarito appena un anno fa.


note

[1] Ctr Lombardia, sent. n. 6363/24/2014.

[2] Comma 4 della Nota II bis, all’articolo 1 della Tariffa, parte prima, Dpr 131/86.

[3] In particolare si stabilisce che:

a) l’immobile sia ubicato nel territorio del Comune in cui l’acquirente ha o stabilisca entro diciotto mesi dall’acquisto la propria residenza o, se diverso, in quello in cui l’acquirente svolge la propria attività ovvero, se trasferito all’estero per ragioni di lavoro, in quello in cui ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipende ovvero, nel caso in cui l’acquirente sia cittadino italiano emigrato all’estero, che l’immobile sia acquisito come prima casa sul territorio italiano. La dichiarazione di voler stabilire la residenza nel Comune ove è ubicato l’immobile acquistato deve essere resa, a pena di decadenza, dall’acquirente nell’atto di acquisto;

b) nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l’immobile da acquistare;

c) nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni di cui al presente articolo.

[4] Cass. sent. n. 16077/2013

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube