HOME Articoli

Editoriali Cosa avverrà nel 2015: novità legali e fiscali del nuovo anno

Editoriali Pubblicato il 29 dicembre 2014

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 29 dicembre 2014

Tasse, etichette, bandi, rate del mutuo, bollette, bonus fiscali, tribunali e sentenze: le riforme che scatteranno tra pochi giorni.

Come è ormai nostra consuetudine in concomitanza con il 31 dicembre, mentre tutti gli altri giornali faranno a gara per elencare i fatti più importanti dell’anno passato, noi vi prospettiamo un breve elenco degli avvenimenti che accadranno nei prossimi 365 giorni. Non abbiamo doti divinatorie, di certo, ma basta leggere alcune norme la cui efficacia è stata posticipata al 2015 per rendersi conto di ciò che (di buono o cattivo) attende gli italiani. Dall’aumento delle tasse, alle novità in materia di lavoro: tutto condensato in questo breve articolo con i richiami agli approfondimenti da noi già trattati negli scorsi mesi (basterà cliccare sul titolo di ogni singolo punto, laddove presente il collegamento ipertestuale).

Quel che è certo è che le aspettative legate all’alzata dei calici delle ore 24:00 avranno tutte un unico punto in comune: l’uscita dalla crisi economica. Non sappiamo né “come”, né “quando”; quel che è certo è che sarà questa la frase più pronunciata allo scadere della mezzanotte.

In tutto questo, LLpT resterà con voi, per fornirvi, come sempre, un’informazione rapida, semplice, indipendente e diretta.

Cambiano le etichette sui cibi

Con la nuova etichetta Ue sui prodotti alimentari, diverrà obbligatorio fornire, sulle confezioni, informazioni più chiare, dettagliate, complete e con caratteri più leggibili.

Revisione periodica dell’auto: cambiano le regole

Novità di tutto rilievo per chi, dal prossimo anno, dovrà effettuare la revisione dell’auto. Le nuove regole sono volte a scovare le numerose “false revisioni” che, sino ad oggi, sono state eseguite a prezzi peraltro stracciatissimi, con conseguenti e gravi rischi per la circolazione e la sicurezza stradale.

Addio bandi cartacei

I bandi di gara per lavori, servizi e forniture lasceranno la carta stampata dei quotidiani nazionali e locali. Dal 2016, infatti, le p.a. dovranno pubblicare solo tramite internet – sul proprio sito e su quello dell’Osservatorio dei lavori pubblici e sulla Gazzetta Ufficiale – tutti i bandi di gara.

Tassata la polizza vita all’erede

La legge di stabilità ha introdotto una tassa del 26% sulle plusvalenze generate dalle polizze vita (rami I e III) anche quando queste sono incassate dagli eredi, prima esentasse, con effetto retroattivo su tutto il 2014.

Sospese le rate del mutuo per chi è in difficoltà

Famiglie e Pmi potranno chiedere la sospensione del pagamento delle quote capitale di mutui e finanziamenti per un periodo di tre anni (fino al 2017). Ma attenzione agli “interessi”.

L’Isee controlla il conto corrente

Nella compilazione dell’Isee, il saldo del conto corrente non sarà più autodichiarato dal contribuente, ma accertato telematicamente tramite il collegamento all’anagrafe dei conti correnti. In pratica, il dato sulla giacenza media del c/c entra a far parte della Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) con la quale si calcola il nuovo Isee 2015.

Aumenta la bolletta acqua del 4%

L’Aeeg ha definito la nuova tariffa sui servizi idrici che scatterà dal 2015 con aumenti di circa il 4%. Sono previsti quattro diversi tipi di schemi tariffari, rispetto ai quali deciderà ciascun ente locale competente.

 

Bonus gas e luce nel 2015

È confermata nel nuovo anno la possibilità di accedere al bonus gas e luce. Lo sconto sulle due bollette sarà pari rispettivamente al 15% e al 20% circa. Potranno accedervi le famiglie con un Isee non superiore ai 7.500 euro o le famiglie numerose con Isee sino a 20mila euro.

Arriva la bolletta facile di luce e gas

L’Autorità dell’energia ha introdotto un nuovo modello di bolletta della luce e gas per rendere la stessa più trasparente, completa e comprensibile agli utenti. Si chiamerà “Bolletta facile dell’energia elettrica e del gas” e consisterà in un solo foglio che sintetizzerà tutti gli elementi di spesa.

Anche il bancomat online

Da marzo sarà possibile utilizzare anche il bancomat per gli acquisti online, oltre agli attuali strumenti elettronici. Non occorrerà inserire alcun codice: basterà chiedere alla propria banca l’attivazione della propria carta per comprare online.

Bonus bebè

Per ogni figlio nato o adottato tra il 1º gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, si potrà chiedere all’Inps un bonus di 960 euro annui, erogato mensilmente fino al terzo anno di età o al terzo anno d’ingresso in famiglia. La condizione è che l’Isee non sia superiore a 25mila euro annui. L’incentivo è riconosciuto per i figli di cittadini italiani o Ue o extraUe con permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo, residenti in Italia. Se l’Isee non supera i 7mila euro annui, l’importo raddoppia.

Social card più ricca

È aumentato di 250 milioni all’anno, dal 2015, il Fondo che finanzia la social card, la carta da 40 euro al mese per l’acquisto di cibo e per il pagamento delle bollette energetiche, destinata ai cittadini meno abbienti.

Stabilizzati gli 80 euro in busta paga

Diventa strutturale il bonus Irpef di 80 euro introdotto nel 2014 per i lavoratori dipendenti con un reddito fino a 26mila euro. Viene introdotta l’incumulabilità del credito d’imposta con le agevolazioni concesse ai ricercatori che tornano in Italia.

e-book più economici

Scende al 4% l’Iva sui libri e periodici in formato elettronico (così come già per quelli cartacei). Prima l’Iva per gli e-book era al 22%.

La pubblica amministrazione non pagherà più Iva alle aziende

Scatta dal primo gennaio lo split payment. In pratica, sulle vendite di beni o prestazioni di servizi erogati alla Pa, l’azienda non riceverà più il pagamento dell’IVA ma quest’ultima verrà versata direttamente dall’amministrazione all’erario.

730 precompilato

Arriva la dichiarazione dei redditi precompilata per 20 milioni di lavoratori dipendenti e pensionati. Sarà l’Agenzia delle Entrate a preparare il modello 730 utilizzando i dati contenuti nelle certificazioni dei sostituti d’imposta, le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria e i dati trasmessi da banche, assicurazioni e fondi pensione. La dichiarazione sarà messa a disposizione del contribuente attraverso i servizi telematici o tramite Caf, professionista o datore di lavoro munito di delega entro il 15 aprile.

Notifiche a pagamento anche dal giudice di pace

È abrogata l’esenzione dalle spese delle notificazioni chieste agli ufficiali giudiziari, dei diritti, delle indennità di trasferta e dalle spese di spedizione per le cause di scarso valore (fino a 1.033 euro) di fronte al giudice di pace.

Processo telematico per tutte le cause

Per le cause civili, l’obbligo di depositare gli atti endoprocessuali per via telematica riguarderà anche le cause anteriori al 30 giugno 2014.

Ridotta la sospensione dei termini processuali: meno vacanze agli avvocati

Dal 2015 si riduce il periodo di sospensione feriale dei termini processuali: non più dal 1° agosto al 15 settembre, ma dal 1° al 31 agosto. La sospensione non riguarda i procedimenti d’urgenza o quelli espressamente esclusi. Ridotte a 30 giorni (da 45) anche le ferie dei magistrati ordinari, amministrativi, contabili e militari, degli avvocati e procuratori dello Stato.

Negoziazione assistita obbligatoria

Così com’era stato con il tentativo di mediazione, scatta dal 9 febbraio l’obbligo, prima di intraprendere una causa, di effettuare la negoziazione assistita degli avvocati. Il vincolo riguarderà le cause di risarcimento danni da incidente, stradale o nautico, e (eccetto i casi in cui è obbligatorio tentare la mediazione ed esclusi i procedimenti per ingiunzione) per le richieste di pagamento di importi fino a 50mila euro. Poiché la negoziazione è obbligatoria, l’avvocato non potrà percepire alcun compenso da chi ha i requisiti per godere dell’ammissione al patrocinio a spese statali.

Una successione europea

Dal 17 agosto i cittadini europei che vivono in uno Stato diverso da quello di nascita potranno scegliere – per regolare la futura successione – tra la legge del Paese in cui si trova l’immobile e quella del Paese di residenza.

Per pagare TASI, IMU e TARI arriverà il modulo a casa

Per pagare le tasse sugli immobili, i Comuni dal 1° gennaio devono rendere disponibili i modelli di pagamento già compilati.

Detrazioni per ristrutturazioni e acquisto mobili

La legge di stabilità ha confermato per tutto il 2015 i bonus fiscali per le ristrutturazioni, acquisto mobili ed elettrodomestici, risparmio energetico qualificato.

Cassa integrazione: nuove regole

Per il 2015 la Cassa integrazione in deroga potrà essere utilizzata, di norma, per un massimo di 5 mesi.

Aspi: nuovi importi

In attesa della partenza della Naspi (nuova indennità di disoccupazione che soppianterà l’Aspi), scatterà l’aumento di 2 mesi dei periodi di godimento dell’Aspi.

Cambiano i licenziamenti per chi verrà assunto con il contratto a tutele crescenti

Con la modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, per le nuove assunzioni scatterà il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all’anzianità di servizio. Ridotte all’osso le possibilità di reintegra sul posto di lavoro, al dipendente spetterà solo il risarcimento pari a 2 mensilità per ogni anno di lavoro (il minimo però è di 4 mensilità; il massimo è di 24).

No contributi previdenziali per le assunzioni

È previsto, per le nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del 2015, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, per tre anni, per un importo massimo pari a 8.060 euro su base annua per ciascun lavoratore assunto.

Il Tfr nella busta paga

Per tre anni (da marzo 2015, fino al 30 giugno 2018), in via sperimentale i lavoratori dipendenti del settore privato (esclusi i lavoratori domestici e del settore agricolo) che abbiano un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi con lo stesso datore di lavoro, possono richiedere al medesimo di percepire la quota maturanda del trattamento di fine rapporto. Tale anticipo di Tfr è assoggettato a tassazione ordinaria e non è imponibile ai fini previdenziali.

Nuovi Minimi per partite IVA con tassazione al 15%

Nel nuovo regime forfettario per chi guadagna poco, la tassazione passa dall’attuale 5% al 15% con un coefficiente di redditività del 78% e nessun limite di età.

Un sostegno per il Pos

Dal 30 giugno 2014 i professionisti – così come gli artigiani e i commercianti – devono obbligatoriamente consentire ai propri clienti di pagare le prestazioni con il bancomat quando l’importo supera i 30 euro. Per agevolare il rispetto dell’obbligo si sta valutando di introdurre nel 2015 sanzioni per gli inadempienti e di riconoscere un credito d’imposta per le spese di installazione e gestione.

Arriva il CUD (CU) per gli autonomi

Nel 2015 parte un nuovo schema di Certificazione unica, che contiene sia la certificazione relativa ai redditi di lavoro dipendente e assimilati (attuale modello Cud) sia la certificazione relativa ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi, finora rilasciata in forma libera.

Addio ai costi del roaming

Il Parlamento europeo ha deciso lo stop alle tariffe di roaming internazionale (Eurotariffa) dal 15 dicembre 2015. Con il termine di roaming internazionale si intendono le tariffe per le chiamate effettuate verso l’estero con il proprio operatore telefonico e per le telefonate realizzate all’estero con il proprio numero (e la Sim“originaria”) tramite il provider straniero. Fino al 15 dicembre 2015 (e finché non saranno vinte le resistenze di alcuni Stati membri) l’Eurotariffa avrà i seguenti limiti: 0,19 euro/min per le chiamate in uscita e 0,05 euro/min per le chiamate entranti; 0,06 per invio di Sms; 0,20 Megabyte con spesa massima mensile di 50 euro per il traffico dati.

Aumentano le multe stradali

L’adeguamento biennale al tasso d’inflazione Istat delle multe stavolta sarà limitato allo 0,5%. Dal rincaro sono escluse le sanzioni di carattere penale (come la guida sotto effetto di droghe o in stato di ebbrezza oltre 0,8 grammi/litro). Le multe più frequenti (vedi divieto di sosta semplice ed eccesso di velocità entro i 10 km/h) restano però di 41 euro.

A settembre l’Euro 6

Dal 1° settembre entrano in vigore gli standard antinquinamento Euro 6 (i più avanzati) per tutte le autovetture e i furgoni nuovi immatricolati a partire dal 1° settembre 2015, se la loro massa non supera i 2610 chilogrammi. Potranno comunque essere venduti migliaia di Euro 5 a km zero, immatricolate da costruttori e rivenditori prima del 1° settembre. Rispetto all’Euro 5, l’Euro 6 dà una stretta alle emissioni di ossidi d’azoto e introduce limiti al particolato anche per i motori a benzina a iniezione diretta con miscela magra. Comprare Euro 5 può far spuntare forti sconti, ma con l’Euro 6 si hanno maggiori probabilità di non incappare in limitazioni al traffico nelle zone più inquinate del Paese.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI